martedì 21 febbraio | 20:19
pubblicato il 14/dic/2013 13:21

Legge stabilita': Librandi (Sc), web tax danneggia imprese e consumatori

(ASCA) - Roma, 14 dic - ''Non capisco perche' il PD stia promuovendo come emendamento alla Stabilita' la cosiddetta Web Tax, una misura evidentemente in contrasto con i principi comunitari della liberta' di stabilimento e di circolazione di beni e servizi, ma soprattutto un provvedimento che danneggerebbe imprese e consumatori italiani e che avrebbe un effetto trascurabile per l'erario''. Lo afferma in una nota il deputato di Scelta Civica, Gianfranco Librandi, membro della Commissione Bilancio di Montecitorio.

''La norma proposta avrebbe l'effetto di creare in Italia un regime normativo e fiscale per Internet diverso rispetto a quello degli altri Paesi dell'UE. La naturale conseguenza sarebbe un forte ostacolo agli investimenti esteri in questo settore. Invito i collegi a rinunciare all'illusione di una norma 'contro le multinazionali'. Il settore dell'economia digitale - conclude Librandi - puo' e deve rappresentare un fattore cruciale per il rilancio dello sviluppo economico''.

com-brm/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Guerini: scissione Pd? Credo nei miracoli. Ci stiamo lavorando
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia