martedì 21 febbraio | 09:43
pubblicato il 20/dic/2013 09:29

Legge stabilita': Legnini, nessun problema su fondo taglio tasse lavoro

Legge stabilita': Legnini, nessun problema su fondo taglio tasse lavoro

(ASCA) - Roma, 20 dic - Quello dello svuotamento del fondo per il taglio delle tasse sul lavoro e' ''un problema che non esiste''. Lo ha ribadito il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Giovanni Legnini, che per il governo ha seguito l'iter della legge di stabilita' in Parlamento. In un'intervista al 'Corriere della Sera' Legnini ha risposto alle critiche di Confindustria sullo 'svuotamento' del fondo per il taglio delle tasse sul lavoro che, alimentato della spending review e della lotta all'evasione, andra' prima destinato alle ''esigenze improrogabili o di equita' sociale''. ''Le spese improrogabili non si possono rinviare per definizione. Facciamo gli scongiuri ma poniamo che ci sia un terremoto. Non e' che senza quel correttivo si eviterebbe la spesa per i soccorsi e la ricostruzione. Piuttosto mi concentrerei sull'attuazione della norma, magari con l'aiuto delle parti sociali. Cio' che conta - ha chiarito - e' che si stabilisce un principio normativo nuovo: se si riduce la spesa si riducono le imposte''.

Quanto alle polemiche sulla cosiddetta 'web tax' Legnini ha sottolineato come sia ''complicatissimo radicare l'obbligo tributario in un Paese piuttosto che in un altro quando si parla di multinazionali digitali''. Per questo ''la soluzione definitiva dovra' arrivare a livello europeo se non mondiale.

Nel frattempo noi possiamo anticipare qualche punto e lo facciamo con il cosiddetto 'ruling'''.

Infine, sulle critiche arrivate dai sindaci, Legnini ha spiegato di capire ''chi e' in prima linea con tutte le difficolta' per i tagli del passato. Ma i sindaci sanno che nella legge c'e' un miliardo di euro per abolire la maggiorazione della Tares, un altro miliardo per allentare il Patto di stabilita' e che la tassa sulla casa diventa piu' equa affidando proprio a loro la scelta delle detrazioni.

Dicevano, giustamente, di non voler essere gli esattori per conto dello Stato. Adesso non lo saranno piu', perche' l'imposta e' davvero federalista''.

red-brm/sam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Elezioni
Blog Grillo: pazienza italiani ha un limite, lasciateci votare
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia