martedì 28 febbraio | 05:04
pubblicato il 06/nov/2013 17:30

Legge stabilita': ipotesi aumento dismissioni per coperture modifiche

(ASCA) - Roma, 6 nov - Prende quota l'ipotesi di incrementare la dismissione degli immobili pubblici per reperire le coperture necessarie a modificare la Legge di stabilita' secondo le richieste dei partiti e, in particolare, della maggioranza. Lo riferisce il relatore del Pd, Giorgio Santini, al termine della seduta della commissione Bilancio del Senato. Secondo il collega del Pdl, Antonio D'Ali', ''prima occorre individuare i temi delle modifche e poi, come relatori, fare la sintesi delle coperture''. Nonostante cio' governo e Parlamento sono al lavoro proprio per individuare nuove risorse, tra le quali anche quelle che deriverebbero da un aumento degli immobili da dismettere. Tra le altre possibili fonti di nuove risorse, Santini cita l'innalzamento della tassazione delle rendite finanziarie, dal 20% al 22%, eventuiali modifiche alla tobin tax, la redefinizione dei fabbisogni e dei costi standard delle Regioni e il riparto del fondo sanitario. sgr/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech