martedì 28 febbraio | 08:43
pubblicato il 26/nov/2013 16:51

Legge stabilita': governo pone questione fiducia. ''Meno tasse e piu' crescita''

Legge stabilita': governo pone questione fiducia. ''Meno tasse e piu' crescita''

(ASCA) - Roma, 26 nov - Il governo pone la questione di fiducia sull'emendamento interamente sostitutivo della legge di stabilita'. A porre la questione di fiducia nell'Aula del Senato il ministro dei Rapporti con il parlamento, Dario Franceschini. Il voto di fiducia e' ''occasione di un chiaro, trasparente e spero sereno confronto tra le forze politiche sul rapporto fiduciario del governo con il Parlamento'', ha dichiarato Franceschini. ''La legge di stabilita' approda oggi in Aula con il maxiemendamento sul quale e' stata posta la questione di fiducia. Il testo recepisce il lavoro di tre settimane della Commissione Bilancio conclusosi alle tre di questa mattina, purtroppo senza mandato al relatore, in virtu' del ritardo conseguente alle vicende politiche degli ultimi giorni e all'ostruzionismo della Lega'', afferma da parte sua il sottosegretario, Giovanni Legnini, incaricato dalla presidenza del Consiglio di seguire l'iter parlamentare della manovra. ''Pur tuttavia - spiega Legnini - il lavoro svolto ha consentito di apportare modifiche rilevanti al testo originario e miglioramenti significativi. Un nuovo corposo sistema di garanzie pubbliche per l'accesso al credito delle Pmi, la concentrazione della riduzione delle imposte sul lavoro per i redditi sotto i 32 mila euro, l'aumento del fondo per la non autosufficienza, il ripristino delle risorse per l'autotrasporto, la costituzione di un fondo di contrasto alla poverta' finanziato con il prelievo sulle pensioni d'oro, interventi per le calamita' naturali finanziati in parte con i fondi tagliati ai partiti, l'eliminazione degli interessi di mora sulle cartelle Equitalia arretrate, la riscrittura delle norme sulla fiscalita' locale immobiliare che consentira' di esentare o pagare meno sulla prima casa e aumentare le detrazioni per gli immobili produttivi''. ''Queste - conclude il sottosegretario - le principali misure introdotte durante la lettura del Senato a cui si aggiungono diverse altre disposizioni migliorative. Meno tasse e piu' risorse per la crescita, questa la sintesi raggiunta dopo un faticoso ma positivo lavoro''. int/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech