lunedì 23 gennaio | 18:47
pubblicato il 26/nov/2013 16:51

Legge stabilita': governo pone questione fiducia. ''Meno tasse e piu' crescita''

Legge stabilita': governo pone questione fiducia. ''Meno tasse e piu' crescita''

(ASCA) - Roma, 26 nov - Il governo pone la questione di fiducia sull'emendamento interamente sostitutivo della legge di stabilita'. A porre la questione di fiducia nell'Aula del Senato il ministro dei Rapporti con il parlamento, Dario Franceschini. Il voto di fiducia e' ''occasione di un chiaro, trasparente e spero sereno confronto tra le forze politiche sul rapporto fiduciario del governo con il Parlamento'', ha dichiarato Franceschini. ''La legge di stabilita' approda oggi in Aula con il maxiemendamento sul quale e' stata posta la questione di fiducia. Il testo recepisce il lavoro di tre settimane della Commissione Bilancio conclusosi alle tre di questa mattina, purtroppo senza mandato al relatore, in virtu' del ritardo conseguente alle vicende politiche degli ultimi giorni e all'ostruzionismo della Lega'', afferma da parte sua il sottosegretario, Giovanni Legnini, incaricato dalla presidenza del Consiglio di seguire l'iter parlamentare della manovra. ''Pur tuttavia - spiega Legnini - il lavoro svolto ha consentito di apportare modifiche rilevanti al testo originario e miglioramenti significativi. Un nuovo corposo sistema di garanzie pubbliche per l'accesso al credito delle Pmi, la concentrazione della riduzione delle imposte sul lavoro per i redditi sotto i 32 mila euro, l'aumento del fondo per la non autosufficienza, il ripristino delle risorse per l'autotrasporto, la costituzione di un fondo di contrasto alla poverta' finanziato con il prelievo sulle pensioni d'oro, interventi per le calamita' naturali finanziati in parte con i fondi tagliati ai partiti, l'eliminazione degli interessi di mora sulle cartelle Equitalia arretrate, la riscrittura delle norme sulla fiscalita' locale immobiliare che consentira' di esentare o pagare meno sulla prima casa e aumentare le detrazioni per gli immobili produttivi''. ''Queste - conclude il sottosegretario - le principali misure introdotte durante la lettura del Senato a cui si aggiungono diverse altre disposizioni migliorative. Meno tasse e piu' risorse per la crescita, questa la sintesi raggiunta dopo un faticoso ma positivo lavoro''. int/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
L.elettorale
Salvini: Consulta deve consentire di andare a elezioni a maggio
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4