domenica 04 dicembre | 17:30
pubblicato il 16/ott/2013 20:07

Legge stabilita': Gasparri-Matteoli-Romani, Pdl si riunisca e valuti

(ASCA) - Roma, 16 ott - ''Giudicheremo la legge di stabilita' dopo aver esaminato il testo finale presentato in Parlamento'' Lo dichiarano in una nota congiunta i senatori del Pdl Maurizio Gasparri, Altero Matteoli e Paolo Romani. ''E' evidente che il Pdl su tasse, casa, risparmio ha posizioni chiare. Ed e' altrettanto evidente che questo non e' un governo di centrodestra ma di transitoria convivenza tra due parti diverse. Esaminato il testo un partito normale si riunisce e valuta quali modifiche apportare. Del resto, non si e' mai vista una legge di questo tipo e di questa importanza uscire dal Parlamento con lo stesso testo iniziale. Vedremo quali ragionevoli proposte di modifica tutti insieme potremo sostenere in rappresentanza delle istanze e delle categorie grazie alle quali siamo in Parlamento. Questa nuova gara di dichiarazioni contrapposte e' difficilmente tollerabile e le persone normali difficilmente la tollereranno'', concludono Gasparri, Romani e Matteoli. com-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari