domenica 04 dicembre | 11:39
pubblicato il 15/nov/2013 11:30

Legge stabilita': Gal, dilazionare cartelle Inps non pagate in 60 mesi

(ASCA) - Roma, 15 nov - ''Le cartelle Inps non pagate dalle aziende in crisi potranno essere dilazionate in 60 mesi''.

E' quanto prevede un emendamento presentato alla Legge di Stabilita' dal gruppo Grandi Autonomie e Liberta' (2.6), a prima firma del senatore Giovanni Mauro, e dichiarato ammissibile dalla Commissione Bilancio di Palazzo Madama. ''Si tratta - spiega Mauro - di un provvedimento teso ad andare incontro a tutte le aziende agricole, artigiane, industriali e commerciali, nonche' a tutti i professionisti che si trovano in una posizione debitoria nei confronti dell'Inps e che, vista la crisi economica, sono impossibilitati a pagare le cartelle. Cartelle che, ad oggi, se non pagate, passano subito sotto l'egida di Equitalia con interessi che a quel punto iniziano a lievitare creando ulteriori disagi alle imprese che gia' faticano ad onorare i pagamenti. Grazie al nostro emendamento, invece, il pagamento all'Inps potra' essere consentito fino a 60 mesi''. com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari