lunedì 27 febbraio | 01:36
pubblicato il 22/nov/2013 16:56

Legge stabilita': Federanziani, gare appalto farmaci contro i pazienti

(ASCA) - Roma, 22 nov - Gli emendamenti presentati per la legge di Stabilita' in merito alle gare d'appalto per l'acquisto dei farmaci ''non sono affatto chiari'' e vanno ''contro le norme precedentemente emanate'', costituendo cosi' ''una reale minaccia rispetto alla aderenza alla terapia da parte dei pazienti''. Parola di FederAnziani, la federazione delle associazioni della terza eta', che ''dopo aver attentamente esaminato '' gli emendamenti, ritiene anche che ''questi interventi sulla Legge di Stabilita' non produrranno nessun risparmio per lo Stato e anzi aggraveranno esclusivamente i pazienti, perlopiu' anziani, e le loro famiglie che si ritroveranno a dover pagare di tasca propria le medicina o a dover subire sulla propria pelle le 'cure di Stato'''.

E' evidente, ribadisce la Federazione, che gia' nei giorni scorsi aveva allertato sui rischi di tali provvedimenti, ''che questi emendamenti sono stati scritti ai danni dei soli pazienti e contro la competenza del medico, unico vero responsabile per scienza e coscienza della nostra salute, di prescrivere il farmaco piu' idoneo ed efficace per il singolo paziente. Uniche vere beneficiarie saranno forse le Regioni, che potrebbero ricavarne un risparmio. Ma questi presunti risparmi, temiamo, non saranno mai destinati ai fondi per la non autosufficienza! Siamo sbalorditi che alcuni parlamentari del PD, che addirittura a parole intendono comunicare di voler difendere il popolo fino in fondo, presentino degli emendamenti che siano cosi' contrari agli interessi dei cittadini, a un interesse oggettivo del popolo, ignorando che un provvedimento in tal senso provochera' seri danni alla salute dei pazienti'', scrive in una nota. FederAnziani, con i suoi 3 milioni di aderenti, - conclude la nota - ''e' pronta a difendere l'interesse dei pazienti, il loro diritto inalienabile all'appropriatezza della cura, a difenderli da un provvedimento che vorrebbe far ricadere sugli anziani, i principali utenti di farmaci, il peso di sostenere lo Stato (per l'ennesima volta) con circa 3 miliardi di euro in acquisti di medicine. Per questo, per difendere questi diritti, FederAnziani, qualora questi emendamenti rischiassero di essere approvati, e' pronta con i suoi 3 milioni di aderenti ad andare fino in fondo, anche a scendere in piazza!''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech