domenica 19 febbraio | 15:14
pubblicato il 20/nov/2013 14:26

Legge stabilita': Fassino, su service tax mancano ancora 1,5 mld

(ASCA) - Roma, 20 nov - ''L'attuale meccanismo previsto per l'introduzione della Service tax, con un'aliquota massima al 2,5 per mille sulla prima casa e all'11,6 per mille sulla seconda, con un miliardo aggiuntivo da parte del governo, non consente di rispettare l'impegno di garantire ai Comuni, per il prossimo anno, lo stesso introito che si sarebbe ricavato da Imu e Tares nel 2013. Secondo i nostri calcoli mancano all'appello 1,5 miliardi di euro''. E' quanto il presidente dell'Anci, Piero Fassino, ha reso noto oggi al ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni, nel corso di un incontro tra una delegazione dell'Anci e lo stesso ministro in via XX Settembre. ''Oltre al problema sulla service tax - spiega Fassino al termine dell'incontro - abbiamo esposto ulteriori questioni: innanzitutto l'erogazione dei mancati introiti della seconda rata Imu del 2013, che il governo deve mettere tempestivamente a disposizione dei Comuni, tenendo conto dell'adeguamento delle aliquote operato da diverse amministrazioni''. Riguardo il Patto di stabilita', i sindaci hanno poi ribadito la richiesta che ''non ci siano vincoli di destinazione sugli investimenti che ogni Comune, a seconda delle diverse esigenze, vorra' operare grazie all'allentamento di un miliardo sui vincoli. Abbiamo chiesto inoltre nuovamente - prosegue Fassino - che venga ridotto l'impatto di questi stessi vincoli sui piccoli Comuni, e che vengano abolite le sanzioni individuali a carico degli amministratori, non previste a titolo individuale per i rappresentanti degli altri livelli di governo''. I Comuni chiedono anche ''di rivedere i vincoli sull'accensione di nuovi mutui, che attualmente non consentono alla stragrande maggioranza dei Comuni di accedere al credito''. Infine i vincoli di bilancio previsti per le societa' partecipate: ''Concordiamo con l'obiettivo del governo di favorire e promuovere il riequilibrio finanziario di tutte le societa' pubbliche - ribadisce Fassino - ma l'attuale testo di legge rappresenta imporrebbe misure giuridicamente non praticabili e finanziariamente insostenibili'', conclude il presidente dell'Anci.

rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto lascia Si: non serve partito ma nuovo centrosinistra
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Pd, fallisce nuova mediazione ma si tratta. Rischio scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia