lunedì 05 dicembre | 03:31
pubblicato il 20/nov/2013 14:26

Legge stabilita': Fassino, su service tax mancano ancora 1,5 mld

(ASCA) - Roma, 20 nov - ''L'attuale meccanismo previsto per l'introduzione della Service tax, con un'aliquota massima al 2,5 per mille sulla prima casa e all'11,6 per mille sulla seconda, con un miliardo aggiuntivo da parte del governo, non consente di rispettare l'impegno di garantire ai Comuni, per il prossimo anno, lo stesso introito che si sarebbe ricavato da Imu e Tares nel 2013. Secondo i nostri calcoli mancano all'appello 1,5 miliardi di euro''. E' quanto il presidente dell'Anci, Piero Fassino, ha reso noto oggi al ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni, nel corso di un incontro tra una delegazione dell'Anci e lo stesso ministro in via XX Settembre. ''Oltre al problema sulla service tax - spiega Fassino al termine dell'incontro - abbiamo esposto ulteriori questioni: innanzitutto l'erogazione dei mancati introiti della seconda rata Imu del 2013, che il governo deve mettere tempestivamente a disposizione dei Comuni, tenendo conto dell'adeguamento delle aliquote operato da diverse amministrazioni''. Riguardo il Patto di stabilita', i sindaci hanno poi ribadito la richiesta che ''non ci siano vincoli di destinazione sugli investimenti che ogni Comune, a seconda delle diverse esigenze, vorra' operare grazie all'allentamento di un miliardo sui vincoli. Abbiamo chiesto inoltre nuovamente - prosegue Fassino - che venga ridotto l'impatto di questi stessi vincoli sui piccoli Comuni, e che vengano abolite le sanzioni individuali a carico degli amministratori, non previste a titolo individuale per i rappresentanti degli altri livelli di governo''. I Comuni chiedono anche ''di rivedere i vincoli sull'accensione di nuovi mutui, che attualmente non consentono alla stragrande maggioranza dei Comuni di accedere al credito''. Infine i vincoli di bilancio previsti per le societa' partecipate: ''Concordiamo con l'obiettivo del governo di favorire e promuovere il riequilibrio finanziario di tutte le societa' pubbliche - ribadisce Fassino - ma l'attuale testo di legge rappresenta imporrebbe misure giuridicamente non praticabili e finanziariamente insostenibili'', conclude il presidente dell'Anci.

rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari