domenica 22 gennaio | 22:02
pubblicato il 20/nov/2013 14:26

Legge stabilita': Fassino, su service tax mancano ancora 1,5 mld

(ASCA) - Roma, 20 nov - ''L'attuale meccanismo previsto per l'introduzione della Service tax, con un'aliquota massima al 2,5 per mille sulla prima casa e all'11,6 per mille sulla seconda, con un miliardo aggiuntivo da parte del governo, non consente di rispettare l'impegno di garantire ai Comuni, per il prossimo anno, lo stesso introito che si sarebbe ricavato da Imu e Tares nel 2013. Secondo i nostri calcoli mancano all'appello 1,5 miliardi di euro''. E' quanto il presidente dell'Anci, Piero Fassino, ha reso noto oggi al ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni, nel corso di un incontro tra una delegazione dell'Anci e lo stesso ministro in via XX Settembre. ''Oltre al problema sulla service tax - spiega Fassino al termine dell'incontro - abbiamo esposto ulteriori questioni: innanzitutto l'erogazione dei mancati introiti della seconda rata Imu del 2013, che il governo deve mettere tempestivamente a disposizione dei Comuni, tenendo conto dell'adeguamento delle aliquote operato da diverse amministrazioni''. Riguardo il Patto di stabilita', i sindaci hanno poi ribadito la richiesta che ''non ci siano vincoli di destinazione sugli investimenti che ogni Comune, a seconda delle diverse esigenze, vorra' operare grazie all'allentamento di un miliardo sui vincoli. Abbiamo chiesto inoltre nuovamente - prosegue Fassino - che venga ridotto l'impatto di questi stessi vincoli sui piccoli Comuni, e che vengano abolite le sanzioni individuali a carico degli amministratori, non previste a titolo individuale per i rappresentanti degli altri livelli di governo''. I Comuni chiedono anche ''di rivedere i vincoli sull'accensione di nuovi mutui, che attualmente non consentono alla stragrande maggioranza dei Comuni di accedere al credito''. Infine i vincoli di bilancio previsti per le societa' partecipate: ''Concordiamo con l'obiettivo del governo di favorire e promuovere il riequilibrio finanziario di tutte le societa' pubbliche - ribadisce Fassino - ma l'attuale testo di legge rappresenta imporrebbe misure giuridicamente non praticabili e finanziariamente insostenibili'', conclude il presidente dell'Anci.

rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4