martedì 24 gennaio | 15:12
pubblicato il 12/nov/2013 16:07

Legge stabilita': Fassino, non correggere 3mila punti ma priorita'

(ASCA) - Roma, 12 nov - ''Non so se oltre 3000 emendamenti alla legge di stabilita' rendano molto difficile l'iter governativo, anche perche' appartengono a gruppi parlamentari diversi e quindi non sono riconducibili a un'unica matrice.

Di sicuro, c'e' il problema delle correzioni da apportare; certo non dobiamo correggere 3000 punti, ma solo i passaggi piu' significativi, va fatto un serio lavoro di sintesi in base alle priorita'''. Lo ha detto Piero Fassino, sindaco di Torino e presidente Anci, intervenendo a ''Prima di tutto'', Radio 1. ''Un numero cosi' alto di emendamenti rischia, quello si', di frammentare ulteriormente le risorse, cosa di cui il paese non ha certo bisogno. La protesta di sabato scorso dei sindaci di tutta Italia e' indice di una notevole inquietudine, veniamo da anni di tagli che hanno minato la nostra autonomia e soprattutto la nostra capacita' di gestire il bene comune'' ha concluso Fassino.

res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Grillo: legge elettorale sarà quella che deciderà la Consulta
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
L.elettorale
Partiti attendono Consulta su Italicum. Già divisi sul day-after
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4