sabato 10 dicembre | 00:11
pubblicato il 14/ott/2013 20:38

Legge stabilita': domani manovra da 12 mld. Certi i tagli alla sanita'

(ASCA) - Roma, 14 ott - Una manovra da circa 12 miliardi di euro. E' la legge di Stabilita' che dovra' varare la riunione del Consiglio dei ministri di domani e che dovra' poi passare al vaglio della Commissione europea che vigila sui conti pubblici italiani. Come piu' volte annunciato dal presidente del Consiglio, Enrico Letta, il cuore della legge di Stabilita' sara' il cuneo fiscale, per il quale si continua a parlare di risorse per non piu' di 5 miliardi. Cifra giudicata insufficiente da Confindustria, sindacati e anche da alcune forze politiche come il Pd. La formula attraverso la quale il governo procedera' e' ancora da definire. Per ora e' certo che saranno previste detrazioni Irap per i neoassunti e che la cifra che servira' a rendere piu' pesanti le buste paga dei lavoratori dipendenti sara' devoluta in una sola tranche, probabilmente la prossima primavera. Altra certezza sono i tagli alla Sanita', che non piacciono nemmeno al ministro Beatrice Lorenzin. Le cifre' circolate oggi parlavano di oltre 4 miliardi di euro. La smentita del ministro dei Rapporti con il parlamento, Dario Franceschini, circa l'entita' non ha pero' riguardato l'esistenza stessa dei tagli. Nonostante gli appelli arrivati dal premier negli ultimi giorni e nelle ultime ore sono circolate indiscrezioni (dal quale il Mef ha preso le distanze) che hanno ribadito i capitoli fondamentali della legge di stabilita', ma le cui cifre sarebbero tutt'ora in via definizione e, comunque, saranno oggetto di discussioni e limature in sede di Consiglio. Limature che riguarderanno il rifinanziamento della Cig in deroga, la social card, la deroga al patto di stabilita' per Regioni ed Enti locali, un fondo straordinario per l'editoria e un contributo di solidarieta' per le pensioni d'oro per il 2014 e per un periodo di tre anni. Sicuramente, invece, arrivera' la Tirsi (il Tributo sui servizi comunali), che si sostituira' alla Tares e che sara' suddivisa in Tari (rifiuti) e Tasi (servizi indivisibili dei Comuni). A pagarla sara' chi possiede, occupa o detiene locali o aree scoperte soggette al tributo. Confermato quindi che sara' anche a carico degli inquilini, la nuova service tax dovrebbe contenere anche una componente ''patrimoniale', legata al valore catastale di un immobile e alla sua superfice. Sara' pero' il Consiglio dei ministri di domani a sciogliere tutti i dubbi e i successivi lavori parlamentari, per i quali il governo si sarebbe gia' detto disponibile a modifiche, a dare la veste definitiva alla legge di Stabilita' 2014-2016. sgr/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina