martedì 24 gennaio | 20:25
pubblicato il 15/nov/2013 12:38

Legge stabilita': Capezzone, schiaffo Ue frutto e effetto errori governo

Legge stabilita': Capezzone, schiaffo Ue frutto e effetto errori governo

(ASCA) - Roma, 15 nov - ''Purtroppo le preoccupazioni che esprimiamo da mesi, sentendoci nella migliore delle ipotesi accusati di ''estremismo'', si rivelano oggi piu' che fondate. Lo schiaffo che oggi il governo riceve da Bruxelles e' il frutto dell'inadeguatezza di una linea troppo attendista, poco coraggiosa, ai limiti dell'immobilismo su due fronti''. Lo dichiara in una nota Daniele Capezzone, presidente della Commissione Finanze della Camera.

''Da un lato, l'approccio minimalista nei confronti dell'Europa, per cui Letta e Saccomanni hanno accettato di restare prigionieri della logica degli zero virgola, anziche' porre sul tavolo - con la forza politica che un governo di cosi' ampie intese avrebbe potuto assicurargli - la questione di uno sforamento virtuoso del tetto del 3%, provando a ricontrattare con Bruxelles un percorso di rientro da deficit e debito nella comune consapevolezza che senza crescita non puo' nemmeno esserci risanamento della finanza pubblica. Dall'altro, un approccio rinunciatario, fatto di rinvii e ritardi, sul fronte interno, sui nostri ''compiti a casa'', rispetto ai temi del debito (proprio il fatto che non scendera' nel 2014 l'Europa ci contesta), del taglio della spesa pubblica e delle tasse. Debito - prosegue Capezzone - che avremmo dovuto aggredire fin da subito, come suggeriamo da mesi, con dismissioni e altre operazioni di cui da molto tempo si parla ma che evidentemente si scontrano con resistenze che il governo non ha saputo/voluto superare''. ''L'impianto della legge di stabilita' non poteva non risentire di questo duplice errore e difficilmente sara' migliorabile con qualche emendamento. Dunque, con il Pil che continua a scendere anche nel III trimestre e una vera ripresa che somiglia sempre piu' ad un miraggio, oggi constatiamo dove ci sta portando questa linea rinunciataria ai limiti dell'immobilismo: inseguendo il rigore a scapito della crescita, nella versione miope e punitiva di Bruxelles, ci ritroviamo senza crescita e senza nemmeno centrare gli obiettivi di bilancio che ci chiede l'Europa. E la frittata e' fatta'', conclude Capezzone.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
Governo
A P.Chigi summit Gentiloni e ministri su sicurezza-immigrazione
M5s
Grillo imbavaglia i suoi: parlate se autorizzati o andate via
M5s
Grillo a eletti M5s: siete portavoce, linea la decidono iscritti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4