domenica 04 dicembre | 02:57
pubblicato il 15/nov/2013 12:36

Legge stabilita': Brunetta, Saccomanni e Letta bocciati dall'Europa

Legge stabilita': Brunetta, Saccomanni e Letta bocciati dall'Europa

(ASCA) - Roma, 15 nov - ''Alla fine l'Italia e' rimasta con un pugno di mosche in mano. La Commissione europea ha espresso il suo verdetto negativo sulla Legge di stabilita' di Saccomanni e Letta. Ma questo, come dire, ce lo aspettavamo''. Lo dichiara in una nota Renato Brunetta, presidente dei deputati del Pdl.

''Quello che ci sorprende e' invece il fatto che non potremo beneficiare della cosiddetta ''clausola investimenti'. Quello 0,3% del Pil che sara' concesso ad altri per effettuare maggiori investimenti, a noi sara' negato. Quello 0,3% per cui tanto si e' battuto l'ex presidente Monti e sulla cui scia ha continuato a ''battagliare' il presidente Letta. Narrandoci, entrambi, grandi vittorie sul tema al ritorno da Bruxelles dopo ogni Consiglio europeo. Quello 0,3% per cui ci siamo impiccati per tutto il 2012 e il 2013 e per il quale il governo intende impiccarci anche nel 2014. Anni ed anni di sacrifici che hanno depresso inutilmente l'economia, imposto alle famiglie il cilicio dell'austerita', costretto migliaia di aziende alla chiusura, mentre la disoccupazione ci fa ritornare alla situazione degli anni '80, quando il tasso dei senza lavoro aveva raggiunto il 12%'', continua Brunetta.

''Ma, allora, almeno c'era una speranza: il Pil cresceva ad un ritmo superiore a quello tedesco e francese. Oggi, anche questa debole speranza, come mostrano gli ultimi dati Istat, e' venuta meno. Di fronte a questa debacle, il governo Letta e tutte le forze politiche italiane dovrebbero avviare una riflessione, che prescinda dal gioco delle reciproche accuse, per misurarsi con le cause di fondo che, da troppi anni ormai, impediscono all'Italia di essere uno dei protagonisti, e non la vittima sacrificale, di un equilibrio internazionale che non offre prospettive. La chiave non e' poi cosi' difficile da ricercare. Sono le 6 raccomandazioni che l'Europa ci ha fatto quando e' stata chiusa la procedura di infrazione per deficit eccessivo lo scorso giugno e per le quali oggi ci ricorda che l'attuale governo non ha fatto nulla (portare a termine la riforma della PA; miglioramento dell'efficienza del sistema bancario; riforma del mercato del lavoro; riduzione della pressione fiscale; liberalizzazione delle public utilities; sostenibilita' dei conti pubblici).

Tempo passato invano. E sacrifici finalizzati ad obiettivi che poi non si sono realizzati'', prosegue il capogruppo del Pdl alla Camera. ''Il Pdl-Forza Italia e' da tempo disponibile a un confronto serio sulle riforme. Lo ha piu' volte sollecitato, ottenendo in cambio solo vaghe e infastidite promesse.

Continueremo ad insistere, nella consapevolezza che sono i fatti a darci ragione. Fatti piu' duri di ogni possibile furbizia dialettica. Ci auguriamo pertanto che, dopo l'ennesima bocciatura da parte della Commissione europea, questa consapevolezza possa diffondersi. Nell'interesse di tutto il Paese'', conclude Brunetta.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari