domenica 04 dicembre | 13:24
pubblicato il 11/nov/2013 13:39

Legge stabilita': Brunetta, ottimismo Letta infondato

Legge stabilita': Brunetta, ottimismo Letta infondato

(ASCA) - Roma, 11 nov - ''Sbaglia, quindi, Confindustria? Sbagliano i sindacati, con le loro giornate di sciopero? Ma sbaglia anche Banca d'Italia e Bce, quando frenano ogni ottimismo di maniera circa le sorti dell'economia italiana? A questo coro di critiche, motivate dall'analisi disincantata dei fatti, il presidente Letta risponde con l'immaginifico.

Aspettate fino al 2014 e vedrete che le cose andranno meglio.

''Sono su un aereo in volo sull'Atlantico e gia' vedo i grattacieli di Manhattan '. Ma e' sicuro di non aver sbagliato rotta? Soprattutto che gli strumenti di bordo funzionano?''. Lo afferma Renato Brunetta, presidente dei deputati del Pdl.

''Le previsioni macro dicono il contrario. Per citare solo un esempio, tra mille, le stime del Fmi parlano di una crescita italiana, dal 2013 al 2018, inferiore del 40 per cento alla media dell'Eurozona, che non brilla certo di luce propria. Visto che sara', in media, di poco superiore all'1 per cento. Percentuali da prefisso telefonico. Poi insiste sul taglio delle tasse. Ma nei suoi conti non considera le maggiori imposte degli Enti locali, a partire da quella sulle abitazioni. L'Uil ha recentemente calcolato il maggior salasso disposto per l'anno in corso. Che non tiene conto di Tasi e Tari: le grandi incognite dei prossimi anni'', aggiunge Brunetta. ''Ci sara' il taglio delle spese e la vendita di immobili? Vedremo cosa ci riservera' il futuro. Intanto si tagliano le pensioni, nonostante il ''limite imposto dalla Corte costituzionale' di cui lo stesso Governo e' consapevole, ma ha cercato furbescamente - ma non sappiamo con quali chances di successo - di aggirare. Per venire, infine, al dramma di tutti i drammi. Se la ripresa non sara' ben piu' robusta delle cifre riportate, la disoccupazione, nei prossimi cinque anni, sara' sempre intorno al 10 per cento, senza considerare i cosiddetti ''scoraggiati'. Si puo' aspettare la fine del 2014 per dover, poi, constatare che quell'ottimismo era fuori posto? O non bisogna invece operare, fin da oggi, per quell'inversione di tendenza che trasforma ''i sogni - come dice una pubblicita' di successo - in solide realta''?'', conclude Brunetta. com-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari