lunedì 27 febbraio | 17:14
pubblicato il 30/ott/2013 12:36

Legge stabilita': Brunetta, Letta passi a fatti e convochi cabina regia

Legge stabilita': Brunetta, Letta passi a fatti e convochi cabina regia

(ASCA) - Roma, 30 ott - ''Fin dal giorno della fiducia alle Camere, il presidente del Consiglio, Enrico Letta, ha tenuto a sottolineare 'il ruolo centrale del Parlamento' e la necessita' di 'luoghi permanenti di codecisione'. Allo stesso modo, fin dalla sera dell'approvazione della Legge di stabilita' in Consiglio dei ministri, tanto il presidente Letta quanto il ministro Saccomanni hanno aperto a modifiche e completamenti in Parlamento. Da ultimo oggi, a Radio Anch'io, il presidente Letta si e' detto nuovamente pronto a 'discutere della Legge di stabilita' in Parlamento'''. Lo afferma Renato Brunetta, presidente dei deputati del Pdl.

''Tanti buoni propositi. Bene ribadirli con frequenza, ma cio' non vuol dire che si realizzino. A due settimane dal varo del principale provvedimento economico-finanziario dell'anno e dopo le gravi critiche emerse da tutte le audizioni, infatti, quel luogo permanente di codecisione, alias 'cabina di regia', non e' stato ancora convocato, nonostante le richieste giunte da tutti i partiti di maggioranza. Convocazione della cabina di regia, ricordiamo, chiesta per difendere i saldi e il rigore finanziario e per impedire l'assalto alla diligenza. Di che cosa ha paura Letta? Di passare dalle parole ai fatti? Se la cabina di regia partisse davvero, allora chiederemmo al governo che cosa impedisce di chiudere gia' nei prossimi 2 mesi l'accordo bilaterale con la Svizzera per il rientro dei capitali, in modo tale da avere subito contezza di quando e quante risorse arriveranno nelle casse dello Stato, sia una tantum che a regime'', aggiunge Brunetta. ''Se la cabina di regia partisse davvero, allora chiederemmo al governo di rendere noto il metodo di calcolo, i presupposti giuridici, finanziari e teorici che hanno portato il comitato di esperti (di Banca d'Italia) a valutare tra 5 e 7 miliardi il capitale di Banca d'Italia, nonche' la pubblicazione, per chiarezza e trasparenza, dei documenti relativi ai lavori istruttori. Se la cabina di regia partisse davvero, chiederemmo, altresi', al governo di attuare vendite del patrimonio pubblico almeno per 1 punto di Pil (16 miliardi) all'anno, come programmato dall'ex ministro Vittorio Grilli, e non per i miseri 500 milioni attualmente previsti dalla Legge di Stabilita' del ministro Saccomanni.

Se la cabina di regia partisse davvero, infine, chiederemmo al governo di accelerare ulteriormente i pagamenti dei debiti delle PA e di prevedere ulteriori possibili forme di finanziamento da parte del sistema bancario e delle societa' di factoring, da attivare mediante semplice concessione di garanzia da parte dello Stato su debiti certi, esigibili ed ormai definitivamente accertati dalle procedure gia' poste in essere. Chiediamo troppo?'', si chiede Brunetta. com-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Dp
Rossi: noi fermeremo Grillo, alleanza con Pd se vince Orlando
Vitalizi
M5s: pensioni parlamentari come cittadini, basta ok a delibera
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Specie a rischio, dalla genetica molecolare un aiuto per salvarle
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech