domenica 04 dicembre | 22:04
pubblicato il 30/ott/2013 12:36

Legge stabilita': Brunetta, Letta passi a fatti e convochi cabina regia

Legge stabilita': Brunetta, Letta passi a fatti e convochi cabina regia

(ASCA) - Roma, 30 ott - ''Fin dal giorno della fiducia alle Camere, il presidente del Consiglio, Enrico Letta, ha tenuto a sottolineare 'il ruolo centrale del Parlamento' e la necessita' di 'luoghi permanenti di codecisione'. Allo stesso modo, fin dalla sera dell'approvazione della Legge di stabilita' in Consiglio dei ministri, tanto il presidente Letta quanto il ministro Saccomanni hanno aperto a modifiche e completamenti in Parlamento. Da ultimo oggi, a Radio Anch'io, il presidente Letta si e' detto nuovamente pronto a 'discutere della Legge di stabilita' in Parlamento'''. Lo afferma Renato Brunetta, presidente dei deputati del Pdl.

''Tanti buoni propositi. Bene ribadirli con frequenza, ma cio' non vuol dire che si realizzino. A due settimane dal varo del principale provvedimento economico-finanziario dell'anno e dopo le gravi critiche emerse da tutte le audizioni, infatti, quel luogo permanente di codecisione, alias 'cabina di regia', non e' stato ancora convocato, nonostante le richieste giunte da tutti i partiti di maggioranza. Convocazione della cabina di regia, ricordiamo, chiesta per difendere i saldi e il rigore finanziario e per impedire l'assalto alla diligenza. Di che cosa ha paura Letta? Di passare dalle parole ai fatti? Se la cabina di regia partisse davvero, allora chiederemmo al governo che cosa impedisce di chiudere gia' nei prossimi 2 mesi l'accordo bilaterale con la Svizzera per il rientro dei capitali, in modo tale da avere subito contezza di quando e quante risorse arriveranno nelle casse dello Stato, sia una tantum che a regime'', aggiunge Brunetta. ''Se la cabina di regia partisse davvero, allora chiederemmo al governo di rendere noto il metodo di calcolo, i presupposti giuridici, finanziari e teorici che hanno portato il comitato di esperti (di Banca d'Italia) a valutare tra 5 e 7 miliardi il capitale di Banca d'Italia, nonche' la pubblicazione, per chiarezza e trasparenza, dei documenti relativi ai lavori istruttori. Se la cabina di regia partisse davvero, chiederemmo, altresi', al governo di attuare vendite del patrimonio pubblico almeno per 1 punto di Pil (16 miliardi) all'anno, come programmato dall'ex ministro Vittorio Grilli, e non per i miseri 500 milioni attualmente previsti dalla Legge di Stabilita' del ministro Saccomanni.

Se la cabina di regia partisse davvero, infine, chiederemmo al governo di accelerare ulteriormente i pagamenti dei debiti delle PA e di prevedere ulteriori possibili forme di finanziamento da parte del sistema bancario e delle societa' di factoring, da attivare mediante semplice concessione di garanzia da parte dello Stato su debiti certi, esigibili ed ormai definitivamente accertati dalle procedure gia' poste in essere. Chiediamo troppo?'', si chiede Brunetta. com-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Viminale assicura: matite copiative sono indelebili
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari