lunedì 05 dicembre | 11:31
pubblicato il 27/nov/2013 13:10

Legge stabilita': Brunetta, fallimentare sotto tutti i punti di vista

Legge stabilita': Brunetta, fallimentare sotto tutti i punti di vista

(ASCA) - Roma, 27 nov - ''Lo ha ammesso anche il presidente del Consiglio, Enrico Letta: questa Legge di stabilita', cosi' com'e', ancora non va. Quando il testo e' uscito dal Consiglio dei ministri, lo scorso 15 ottobre, si sperava che il Senato lo migliorasse. Oggi il testo esce dal Senato per passare all'analisi della Camera e si spera nei miglioramenti che verranno apportati da questo ramo del Parlamento. Come si usa dire, e visto com'e' andata al Senato, chi di speranza vive disperato muore''. Lo dichiara in una nota Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia.

''Cosa ci si aspetta ancora da un governo che toglie ai pensionati, che hanno lavorato tutta una vita, per dare agli sfaccendati, ai fannulloni, a chi non ha mai lavorato ne' ha intenzione di farlo? Cosa ci si aspetta ancora da un governo che fa finta di rivedere il sistema della tassazione sulla casa, dichiarando l'obiettivo di ridurre la pressione fiscale sugli immobili, e invece introduce una vera e propria patrimoniale? Da un governo che per introdurre qualche misera e inutile detrazione sulle nuove imposte taglia il fondo che nella Legge di stabilita' dello scorso anno era stato istituito proprio per la riduzione della pressione fiscale su famiglie e imprese? Una contraddizione in termini'', continua Brunetta.

''Cosa ci si aspetta ancora da un governo che davanti al presidente francese, Francois Hollande, dichiara l'importanza strategica della Tav Torino-Lione, ma taglia i finanziamenti ad essa destinati a partire dal 2015? Cosa ci si aspetta ancora da un governo che usa le poche risorse disponibili del bilancio dello Stato per i lavoratori socialmente utili della regione Calabria? A parte il carattere di sussidio della norma, assolutamente non condivisibile, perche', poi, solo quelli della regione Calabria? Questo nel merito. Ma si pone anche una questione di metodo: il maxiemendamento approvato dal Senato e' tutto contenuto in un testo che presenta parti mancanti, vuote, evidenziate, cancellate e tabelle non complete (il testo e' pubblico sul sito internet del Senato: chiunque puo' controllare). E infine, che e' stato degli inviti che nelle scorse legislature i presidenti di Camera e Senato avevano rivolto ai governi affinche' ponessero la questione di fiducia solo su testi delle Commissioni ovvero su maxi-emendamenti che non introducessero temi nuovi rispetto a quelli trattati dalle Commissioni stesse? In sintesi: una Legge di stabilita' fallimentare sotto tutti i punti di vista. Complimenti Letta, complimenti Alfano'', conclude Brunetta.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari