lunedì 23 gennaio | 19:53
pubblicato il 03/set/2013 12:20

Legge stabilita': Brunetta, Confindustria-sindacati propongano coperture

Legge stabilita': Brunetta, Confindustria-sindacati propongano coperture

(ASCA) - Roma, 3 set - ''Bene il Patto siglato ieri a Genova tra Confindustria e Cgil, Cisl e Uil per lo sviluppo e l'occupazione nel nostro Paese. Siamo totalmente d'accordo sulla necessita' di ridurre il cuneo fiscale, di detassare gli utili reinvestiti nelle aziende, di introdurre meccanismi di sostegno all'accesso al credito per le imprese, di finanziare grandi progetti di innovazione, di riconoscere un credito d'imposta per gli investimenti in ricerca e sviluppo, di aumentare le detrazioni fiscali per lavoratori dipendenti e pensionati''. Lo dichiara in una nota Renato Brunetta, presidente dei deputati del Pdl.

''Tutto molto bello, bellissimo, straordinario. Ma Confindustria e i sindacati non solo non ipotizzano alcun tipo di copertura per la realizzazione di tutti questi interventi, ma neanche quantificano nel loro documento il costo dell'operazione. Ebbene, lo facciamo noi: per avere davvero effetto sull'economia, tutte le misure elencate nel ''Patto' richiedono dai 40 ai 50 miliardi. Per il cuneo fiscale - prosegue Brunetta - servono almeno 15-16 miliardi (un punto di Pil): ci provo' Prodi nel 2006 con 5 miliardi ed effetti non significativi. Altri 10-15 miliardi servono per le detrazioni per lavoratori dipendenti e pensionati; almeno 5 miliardi per detassare gli utili reinvestiti e riconoscere un credito di imposta per ricerca e sviluppo alle imprese; ancora 10-15 miliardi per finanziare progetti di innovazione e prevedere meccanismi di sostegno all'accesso al credito per le imprese.

Ne' regge la tesi che se sono stati trovati i soldi per l'eliminazione dell'Imu sulle prime case e sui terreni e fabbricati funzionali alle attivita' agricole allora il governo deve trovare anche le risorse per i provvedimenti sul lavoro. Esiste, infatti, un problema di ''scala' che rende inconfrontabili i due interventi''. ''Confindustria e sindacati quantifichino, come atto di responsabilita', il costo delle loro proposte e propongano delle coperture - continua Brunetta -, come ha fatto il Pdl con riferimento all'Imu. Saremo tutti contenti di chiedere al presidente Letta di portare in Consiglio dei ministri e di approvare con tempestivita' un testo normativo che contenga tutti i punti del patto siglato ieri, con relative coperture! Non solo: Confindustria e sindacati ci spieghino anche come mai hanno proposto solo incentivi e sgravi fiscali a carico dello Stato e non anche misure di vero stimolo all'economia, quali l'aumento dell'orario di lavoro, l'aumento della produttivita', la riduzione delle festivit a' retribuite e la riorganizzazione degli ammortizzatori sociali, sul modello delle riforme tedesche dei primi anni 2000. Se tengono veramente a cuore la crescita e l'occupazione in Italia, affrontare questi nodi e' ormai indilazionabile. Non si puo' fare sviluppo solo a spese della collettivita' e con il rivendicazionismo puro, senza responsabilita'''. com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
L.elettorale
Salvini: Consulta deve consentire di andare a elezioni a maggio
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4