venerdì 24 febbraio | 03:28
pubblicato il 09/ott/2013 15:54

Legge stabilita': Anci chiede incontro a Baretta su demanio marittimo

(ASCA) - Roma, 9 ott - '''Un incontro urgente per fare il punto sulla tematica del demanio marittimo e valutare insieme proposte e percorsi che non compromettano le potenzialita' di sviluppo territoriali degli Enti locali''. E' questa la richiesta contenuta nella lettera che il Presidente dell'Anci, Piero Fassino ha inviato al Sottosegretario all'Economia Pier Paolo Baretta.

Dopo aver ricordato che '''l'Associazione segue con particolare attenzione e preoccupazione le problematiche inerenti al demanio marittimo'' Fassino sottolinea come l'Anci ritenga '''urgente e non piu' procrastinabile un ammodernamento, una riorganizzazione e una razionalizzazione della disciplina legislativa di questo settore''.

'''Risulta indispensabile - aggiunge - un riordino chiaro delle competenze, definendo una legislazione al ''passo con i tempi' che definisca un quadro normativo, che superi gli istituti arcaici, risolva il problema dell'applicazione della direttiva Bolkestein e che riveda il meccanismo di determinazione dei canoni demaniali, oltre che la loro distribuzione, in quanto oggi i Comuni sono destinatari di meno del 10% del canone concessorio''. Fassino dichiara quindi di apprezzare l'impegno del Sottosegretario ad affrontare questi problemi e l'intenzione del Governo di inserire la soluzione di questi temi nella prossima legge di stabilita', '''tuttavia - evidenzia - non nascondiamo che le notizie emerse sulle possibili modifiche normative che prevedono la sdemanializzazione e la vendita dei beni demaniali, senza evidenza pubblica e senza diretto coinvolgimento delle Regioni e degli Enti Locali rischia di non tener conto delle diverse situazioni di fatto, delle esigenze e delle specificita' dei territori e coste italiane''.

'''In particolare - sottolinea - preoccupa la portata applicativa di tali norme in quanto possono progressivamente e negativamente incidere sulla possibilita' dei Comuni di sviluppare ed innovare i propri territori laddove vi e' la possibilita' grazie alle previsioni e programmazioni territoriali, di procedere alla riqualificazione integrale di intere parti di costa e territorio''. '''Inoltre - conclude il presidente Anci - la vendita di un bene pubblico come le spiagge potrebbe aprire scenari di contenzioso che produrrebbero ancora una volta incertezze e impossibilita' di procedere alla risoluzione delle problematiche del settore''. res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Pd
Renzi: in California cerco idee anti-populisti
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech