venerdì 20 gennaio | 00:45
pubblicato il 12/mar/2014 14:03

Legge elettorale: Zampa (Pd), si' ma c'e' limite a disciplina partito

(ASCA) - Roma, 12 mar 2014 - ''Voto con profonda amarezza questa legge elettorale e lo faccio essenzialmente per disciplina di partito, prevista in democrazia. Anche alla disciplina di partito c'e' pero' un limite oltre cui non sono disposta ad andare''. Sono le parole della deputata Sandra Zampa, vicepresidente del Partito democratico, pronunciate durante le dichiarazioni di voto della legge elettorale. ''Quel limite - ha aggiunto - e' per quanto mi riguarda molto vicino in considerazione del fatto che, al riparo dal voto segreto, una parte del gruppo parlamentare di cui faccio parte si e' slealmente mobilitato contro principi e valori fissati dallo statuto del PD. Era difficile immaginare che l'Italicum, molto problematico in partenza, potesse uscire dalla Camera peggiorato rispetto alla versione che ci venne illustrata in Direzione dal segretario Renzi. Eppure questo e' stato possibile''. Zampa prosegue: ''L'elenco dei suoi piu' gravi aspetti, frutto dell'accordo con Berlusconi, comprende anche l'esclusione delle norme antidiscriminatorie oltreche' di quelle sulla parita' di genere (previste dallo statuto del partito oltreche' dalla Costituzione art. 3 e art. 51), l'impossibilita' per gli elettori di scegliere il proprio eletto con l'esclusione delle primarie regolate e obbligatorie per legge, la possibilita' di candidature plurime (fino ad otto collegi) non solo per il capolista ma per tutti i candidati, l'ammissibilita' delle cosiddette 'liste civetta'. Gravissima ovviamente e' la norma che fissa l'applicabilita' di questa legge alla sola Camera dei deputati con esclusione del Senato dando per acquisito cio' che ad oggi tale non e', cioe' il superamento della Camera alta: se ci si trovasse a votare prima della riforma del Senato avremmo il paradossale risultato di una Camera eletta con il maggioritario e l'altra con il proporzionale.

Inevitabili a quel punto larghe maggioranze in attesa dell'ennesimo inevitabile pronunciamento di incostituzionalita' della Corte. Cio' che e' stato messo in salvo e' il bipolarismo e poco altro''. com-sgr/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
D'Alema: con Renzi non vinceremo mai, leader e premier nuovi
Terremoti
Terremoto, Salvini: il trombato Errani commissario è demenziale
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Terremoti
Terremoto, Gentiloni presiede a Rieti vertice Protezione Civile
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale