martedì 24 gennaio | 08:46
pubblicato il 03/ott/2013 13:46

Legge elettorale: Sc, sistema misto e premio maggioranza al 42%

Legge elettorale: Sc, sistema misto e premio maggioranza al 42%

(ASCA) - Roma, 3 ott - E' stato presentato questa mattina alla Camera il disegno di legge predisposto da Scelta Civica per modificare quanto prima l'attuale legge elettorale. Ad illustrare la proposta, gia' presentata in Senato, sono stati il presidente di Scelta Civica, Mario Monti, il portavoce nazionale, Benedetta Della Vedova e l'ex ministro Renato Balduzzi, costituzionalista e primo firmatario del ddl che, in primo luogo, prevede di assegnare meta' dei seggi con sistema maggioritario all'inglese all'interno di collegi uninominali, e l'altra meta' attraverso il sistema proporzionale all'interno di circoscrizioni plurinominali. E' stato lo stesso Balduzzi a spiegare che la proposta ''muove dalla necessita' di risolvere le tre problematiche principali del Porcellum, ovvero l'assenza di una soglia, la mancanza del collegamento fra eletti ed elettori e il rischio di avere una doppia maggioranza''. Per quel che riguarda il primo punto di criticita', la proposta di Scelta Civica individua ''al 42%, sia alla Camera che al Senato, la soglia che le liste o le coalizioni devono superare per avere il premio di maggioranza al 55%''. Accanto a questo, per evitare di ritrovarsi una doppia maggioranza e' stato pensato di applicare lo stessa sistema per entrambe le Camere ed ''e' stato pensato di ricorrere alla scheda unica in caso di accesso al secondo turno''. Il problema del collegamento fra elettori ed eletti e' stato in parte superato ''grazie all'assegnazione della meta' dei seggi attraverso il sintema maggioritario, ed in parte, per quel che riguarda la quota proporzionale, prevedendo la possibilita' per gli elettori di conoscere i primi quattro candidati delle liste e di poter barrare il loro nome dando il voto alla lista''. Per entrambe le Camere, inoltre, e' stato predisposta una soglia di sbarramento al 4%.

''Chiediamo che la presidente Finocchiaro (senatrice Pd e presidente della Commissione Affari Costituzionali del Senato) consideri anche il nostro disegno di legge, prima di arrivare alla definizione di un testo base di riforma'', ha spiegato Della Vedova. Nel corso della conferenza stampa, Renato Balduzzi, presidente della bicamerale per gli affari regionali, ha voluto chiarire che questa proposta e' stata avanzata per apportare, in tempi brevi, le prime modifiche alla legge elettorale, in attesa di una riforma complessiva da attuare una volta modificata la seconda parte della Costituzione. brm/sat

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Salvini: Consulta deve consentire di andare a elezioni a maggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4