lunedì 05 dicembre | 03:40
pubblicato il 27/gen/2014 11:28

Legge elettorale: Romani(FI), voto subito non in accordo. Governo debole

Legge elettorale: Romani(FI), voto subito non in accordo. Governo debole

(ASCA) - Roma, 27 gen 2014 - ''Io penso che l'accordo risieda nel fatto di fare la riforma della legge elettorale, la riforma del Senato, e la riforma dell'articolo 117 sulle materie concorrenti. Non c'era nell'accordo il fatto di andare immediatamente al voto''. Lo afferma Paolo Romani, capogruppo dei senatori di Forza Italia, nel corso del programma di Radio 1 ''Prima di tutto'', aggiungendo: ''E' indispensabile pero' dare al Paese una legge elettorale, che possa essere utilizzata efficacemente appena se ne ravvisino le condizioni, per risolvere una crisi che non sembra avere sbocco. Ho l'impressione pero' che il governo sia debole e indebolito, e non abbia il respiro necessario per far fronte a quello che il Paese chiede; probabilmente, quindi, ci saranno ancora altri momenti di crisi. Ma ribadisco: nell'accordo stipulato non c'era richiesta per l'effettuazione di elezioni subito''. com-sgr/cam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari