venerdì 09 dicembre | 09:39
pubblicato il 20/gen/2014 17:16

Legge elettorale: Renzi, proposta concreta dopo appena un mese. Ma Cuperlo non ci sta

Legge elettorale: Renzi, proposta concreta dopo appena un mese. Ma Cuperlo non ci sta

(ASCA) - Roma, 20 gen 2014 - ''Sono qui a formularvi non un generico o astratto invito a presentarvi l'istituzione di una commissione o la creazione di un tavolo di lavoro: dopo poco piu' di un mese vi proponiamo un accordo su cui chiediamo alla Direzione di esprimersi''. A dirlo il segretario del Pd, Matteo Renzi, nel suo intervento alla Direzione del partito convocata per discutere della legge elettorale. ''Il Pd dice agli italiani che questa e' una proposta concreta che si puo' realizzare con tempi certi e contenuti credo sufficientemente chiari'', aggiunge. ''Entro il 15 febbraio la segreteria chiudera' la nostra proposta sulla riforma del Senato in modo da avere tempo in questi gioni di poterne discutere con gli altri partiti''. Per quella data, sottolinea Renzi, ''contiamo di presentare un ddl costituzionale condiviso anche con i nostri alleati di governo. Ma l'accordo oggettivo trovato con FI e' un passo avanti straordinario'' che permettera' ''di arrivare entro il 25 maggio alla prima lettura al Senato''. ''La proposta che presentiamo prevede l'assegnazione di un premio di maggioranza che porti al 53% al minimo, ed al 55% al massimo. Premio assegnabile se uno ottiene il 35% al primo turno''. ''Il premio di maggioranza - dice il segretario - potra' essere al massimo del 18%''. ''Se nessuno ottiene il 35%'' c'e' la ''possibilita' di un doppio turno, piu' precisamente un ballottaggio non tra due candidati premier ma tra due coalizioni, simboli o agglomerati di simboli che senza apparentamento rigiochino la partita di fronte agli elettori''.

Quanto alle soglie di sbarramento, quelle previste sono ''del 5% per chi si coalizza, dell'8% per chi non si coalizza e del 12% per le coalizioni''. Nonostante le polemiche di queste ore, nel testo della legge elettorale elaborato dal Pd ''non ci sono le preferenze'', ha quindi assicurato Renzi. Ad ogni modo ''se tocchera' a me scegliere - ha aggiunto - prendo l'impegno di ricorrere alle primarie, che ha inventato Bersani ma che io confermo, e l'impegno del vincolo assoluto della rappresentanza di genere''. Infine, il segretario del Pd ha spiegato che le intese raggiunte con Silvio Berlusconi sulla legge elettorale consentono al Partito democratico di non essere piu' subalterno, in maniera ''allucinante'', allo stesso Cavaliere. E retoricamente ha chiesto: ''Dovevo parlare con il cane Dudu' invece che con Berlusconi? Con chi dovevo parlare se non con il personaggio che ha ricreato Forza Italia?''. Le polemiche, ha detto Renzi, ''mi paiono strumentali. Certo, la legittimazione politica di Berlusconi non spetta a noi'' ma non si puo' dimenticare che ''Berlusconi e' il capo del centrodestra'' e ''non riconoscere che le regole si scrivono con gli altri o dare un giudizio negativo a quegli italiani che non votano per te - ha sottolineato - e' ingiusto''.

 

''La proposta di riforma della legge elettorale avanzata oggi dal segretario, per una serie di ragioni ancora non e' convincente perche' non garantisce, allo stato delle cose, ne' una rappresentanza adeguata ne' il diritto dei cittadini di scegliere la loro rappresentanza, ne' una sufficiente governabilita'''. Lo ha affermato il presidente del Pd, Gianni Cuperlo, nel suo intervento alla Direzione nazionale del partito. ''Esistano profili di dubbia costituzionalita' che non possiamo ignorare'', ha aggiunto Cuperlo, secondo cui ''alzare la soglia per il premio di maggioranza almeno al 40% e' una questione da porre, una battaglia da fare''. Inoltre, ''dire che se si tocca una soglia salta tutto, non so quanto possa essere convincente come metodo''. ''Non esiste - ha aggiunto Cuperlo - nessun pregiudizio verso il tentativo di condurre ad approdo le riforme decisive per la tenuta e la rigenerazione della nostra democrazia. Accelerazione impressa dal segretario e' stata un fatto utile e positivo''. E nel Pd ''non c'e' una maggioranza che spinge per cambiare e una minoranza che vuol restare ferma o peggio intralciare il percorso delle riforme''.

fdv/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina