sabato 25 febbraio | 15:19
pubblicato il 06/dic/2013 17:41

Legge elettorale: Pisicchio (Cd), cambiare sistema europeo prima di voto

(ASCA) - Roma, 6 dic - ''Sarebbe il caso, sempre in materia di leggi elettorali da cambiare, di mettere mano alla legge europea, manomessa in modo peggiorativo nel 2009. Prima che anche su questa cali la scure di qualche alta magistratura e, soprattutto, prima che partano le procedure elettorali del 2014, occorre intervenire''. Lo afferma Pino Pisicchio, il presidente del gruppo Misto alla Camera e vicepresidente di Centro Democratico. ''Abbiamo le circoscrizioni elettorali piu' sconfinate d'Europa - sostiene Pisicchio - gli sbarramenti d'ingresso piu' assurdi che insistono su un sistema proporzionale con voto di preferenza su cui nessuno tra coloro che lanciano urletti di sdegno sulla sentenza della Corte, ha mai emesso respiro. Eppure il combinato disposto, preferenze-circoscrizioni di decine di milioni di voti- produce campagne elettorali costosissime. Allora, vogliamo parlarne,prima che sia troppo tardi?''. com-sgr/mau/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Sinistra
Nasce il movimento degli ex Pd, primo nodo il rapporto col governo
Pd
Pd, commissione unanime: primarie 30 aprile. Renziani: via alibi
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech