lunedì 05 dicembre | 00:04
pubblicato il 10/feb/2014 11:46

Legge elettorale: Pisicchio, a rischio funzionamento e rispetto Carta

(ASCA) - Roma, 10 feb 2014 - ''La cosa intollerabile del come viene rappresentato il dibattito sulla legge elettorale e' che ogni critica portata all'impianto del cosiddetto Italicum, viene considerata una manovra per evitare le norme che disboscano i piu' piccoli. Bene: diciamo allora chiaramente che la soglia del 5% va bene. Per cui i partiti sotto ai due milioni di voti possono non avere rappresentanza parlamentare. Quello che, pero', appare profondamente sbagliato, e' tutto il resto. Nella furia del bipartitismo facile si sta travolgendo quel minimo di pulizia nella costruzione delle regole del gioco che puo' garantirne il funzionamento e la coerenza con la Costituzione''. Lo afferma il presidente del gruppo Misto alla Camera e vicepresidente di Centro Democratico, Pino Pisicchio. com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari