lunedì 20 febbraio | 22:05
pubblicato il 28/gen/2014 12:36

Legge elettorale: Meloni, a Renzi liste bloccate vanno benissimo

Legge elettorale: Meloni, a Renzi liste bloccate vanno benissimo

(ASCA) - Roma, 28 gen 2014 - ''Su diktat di Renzi il Pd ha ritirato tutti gli emendamenti che aveva presentato perche' questo accordo non si puo' discutere. Abbiamo due leader di due grandi partiti che vogliono propinarci una legge elettorale che rimette tutte le scelte nelle mani di due o tre persone e regala all'Italia il peggio visto fino ad ora, a partire dalle liste bloccate. Su questo tema la scelta di Renzi e' chiara: dice che voleva le preferenze e Berlusconi ha detto no, ma quando in un accordo sei il soggetto forte, termini e condizioni li stabilisci tu. Credo percio' che a Renzi le liste bloccate vadano benissimo. Primarie alternative alle preferenze? Solo con regole e modalita' stabiliti dalla legge, altrimenti sono delle 'preferenze con licenza di barare' e dunque un altro modo per prendere in giro gli italiani. Fratelli d'Italia ha presentato l'emendamento per normarle e renderle obbligatorie per tutti i partiti, vedremo se il Pd votera' a favore''. E' quanto ha detto il presidente dei deputati di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, nel corso della trasmissione di La7 'Omnibus'.

''Fratelli d'Italia - ha aggiunto - non ha presentato nessun emendamento sulle soglie di sbarramento perche' questo tema non ci interessa: ci fidiamo degli italiani. C'e' qualcosa che non funziona, pero', se un sistema elettorale permette ai grandi partiti di eleggere deputati e senatori con i voti di chi non e' entrato in Parlamento. Tra le nostre proposte emendative, percio', c'e' quella che esclude dal calcolo del premio di maggioranza della coalizione i voti dei partiti che non hanno superato la soglia, perche' questo vorrebbe dire rubare i voti degli altri. Politica italiana ostaggio dei piccoli partiti? Attenzione a quest'idiozia: la politica italiana - ha sottolineato Meloni - e' ostaggio dei parlamentari ribaltonisti, che si fanno eleggere con un partito e poi in corsa si vendono e passano con un altro. E che di solito provengono proprio dai grandi partiti. Questo problema non si risolve con le soglie ma con una norma antiribaltone che dica che se ti fai eleggere con un partito e poi passi con un altro, semplicemente decadi'', ha concluso il capogruppo di Fdi alla Camera.

com-brm/sam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Elezioni
Blog Grillo: pazienza italiani ha un limite, lasciateci votare
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Pd, Rossi: nasceranno nuovi gruppi parlamentari pro governo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia