martedì 06 dicembre | 17:10
pubblicato il 07/gen/2014 16:11

Legge elettorale: Giachetti, serve ampia convergenza

Legge elettorale: Giachetti, serve ampia convergenza

(ASCA) - Roma, 7 gen 2014 - ''Dalla settimana prossima sulla legge elettorale inizieremo a capire chi fa sul serio e chi no e quale sara' il consenso che si raccoglie. L'ideale sarebbe avere un consenso davvero ampio anche per seguire un metodo diverso da quello che porto' ad approvare il porcellum con la sola maggioranza di governo. E' auspicabile che ci sia un accordo innanzitutto nella maggioranza, ma questo non puo' diventare il vincolo e l'alibi, come e' stato per i sei mesi nei quali la legge e' stata al Senato, per non fare una nuova legge elettorale o prendere semplicemente temp''. Lo dice a Radio Radicale il vicepresidente della Camera Roberto Giachetti(Pd), a lungo in sciopero della fame nei mesi scorsi perche' si arrivasse ad una nuova legge elettorale.

''Quindi - ha aggiunto - se e' possibile trovare un accordo all'interno della maggioranza benissimo, altrimenti e' giustissimo che la legge elettorale abbia la piu' ampia convergenza, che non puo' essere rappresentata da un partito stimato al 2 o 3%, ma deve prevedere dei partiti che stanno all'opposizione. Fi e' un interlocutore dal momento che e' uno dei partiti piu' grandi dell'opposizione, cosi' come spero smetta questo atteggiamento sbagliato Grillo, scelta che e' palesemente frutto della sua difficolta', e che entri in campo cercando di avanzare proposte concrete''. ''Renzi - ha poi ricordato - ha fatto una mossa intelligente non costruendo una proposta chiusa del Pd - spiega Giachetti - per non ottenere come in tutti questi anni un no di tutte le altre forze politiche, ma sulla base del presupposto che dobbiamo tenere in piedi il bipolarismo e che e' importante che gli elettori scelgano i propri eletti, sapere chi ha vinto e chi governera' per i successivi 5 anni, abbiamo visto che tutto cio' si puo' ottenere con tre forme diverse, cioe' con il sistema di tipo spagnolo, quella del sindaco d'Italia, o il Mattarellum corretto nella parte del 25% proporzionale. Io preferisco il ritorno al Mattarellum perche' sono per i collegi uninominali e penso che il doppio turno alla francese sia il sistema ideale che sarebbe utile realizzare anche con le riforme costituzionali, ma qui stiamo parlando della famosa legge di salvaguardia'', ha concluso.

com-brm/cam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Alfano: pronostico elezioni anticipate a febbraio
Governo
Renzi vuole dalla direzione l'ok del Pd a elezioni anticipate
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Capigruppo Fi: impraticabile congelare crisi governo Renzi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Touchscreen e realtà aumentata: a Milano il supermarket del futuro
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
I supermercati del futuro di Amazon: niente casse e code
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni