lunedì 20 febbraio | 08:09
pubblicato il 20/gen/2014 10:42

Legge elettorale: Formigoni, senza preferenze entrano preferite del capo

Legge elettorale: Formigoni, senza preferenze entrano preferite del capo

(ASCA) - Roma, 20 gen 2014 - ''Accordo Alfano-Berlusconi-Renzi? Noi abbiamo indicato per tempo il modello del sindaco d'Italia. Ma una soluzione condivisa e' necessaria. Siamo pronti a discutere sulla base indicata da Renzi e condivisa da Berlusconi. Abbiamo pero' tre perplessita'. Il premio di maggioranza cosi', com'e' - premio del 20% per chi arriva al 35% dei consensi - e' eccessivo.

Bisogna salire al 42-43%. Lo sbarramento deve essere poi al 4-5%. La terza e' la piu' radicale. Gli elettori si troveranno davanti una lista piu' breve, ma sempre nomi scelti dai partiti. L'elettore dovra' prendere il pacchetto completo. La nostra proposta e' quella del voto di preferenza, dando ai cittadini la possibilita' di scegliere.

Altrimenti saranno sempre le preferite del capo a trovar posto nella lista''. Lo ha detto il senatore Roberto Formigoni, Nuovo Centrodestra, intervenendo questa mattina ad Agora', su Rai Tre.

com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia