venerdì 20 gennaio | 17:39
pubblicato il 09/gen/2014 16:16

Legge elettorale: deputati Pd, Ncd scopre carte. Vuole ritardare riforma

(ASCA) - Roma, 9 gen 2014 - ''Il Nuovo centrodestra scopre le carte: vuole ritardare la riforma della legge elettorale tentando di allungare in conferenza capigruppo i tempi per la calendarizzazione in aula alla Camera''. E' quanto dichiarano i deputati del Partito democratico Lorenza Bonaccorsi, Federico Gelli ed Ernesto Magorno. ''Il Pd e il segretario Matteo Renzi sono stati chiari - spiegano i deputati - la legge elettorale deve approdare in aula entro la fine di gennaio. Non si possono piu' prendere in giro i cittadini, dopo nove anni di Porcellum e centinaia di migliaia di persone che hanno firmato il referendum per l'abolizione e' comico sostenere che serve altro tempo per discutere. Se il partito di Alfano e Schifani ha intenzione di fare melina, sappia che il Pd non ci sta e andra' avanti.

Ce lo hanno chiesto i tre milioni che hanno votato alle primarie'', concludono i tre deputati. com-brm/sam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Pd
Pd, correnti in tensione su voto subito e leadership Renzi
Terremoto
M5s cancella mobilitazione giorno decisione Consulta su Italicum
Terremoti
Terremoto, Salvini: dimissioni Curcio? Qualcosa non ha funzionato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Audi, 8 milioni di vetture prodotte con la trazione "quattro"
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Tpl, Sorte: anche per Delrio la Lombardia è modello da seguire