sabato 25 febbraio | 21:52
pubblicato il 22/gen/2014 20:56

Legge elettorale: Cittadinanzattiva, liste bloccate inaccettabili

(ASCA) - Roma, 22 gen 2014 - ''Ci sono diversi aspetti positivi nella proposta di riforma avanzata in questi giorni.

Ma non possiamo accettare che i cittadini continuino a non poter scegliere i propri rappresentanti. La nostra organizzazione e' stata tra i promotori del referendum contro le liste chiuse, e ci batteremo affinche' questo sistema che assegna ai partiti il ruolo di padre-padrone venga del tutto superato''. Queste le dichiarazioni di Antonio Gaudioso, segretario generale di Cittadinanzattiva, in merito alla bozza di riforma elettorale resa nota in questi giorni. ''Ci sono aspetti positivi che vale la pena sottolineare'', ha aggiunto Gaudioso, ''come la eliminazione dell'attuale legge elettorale, passo per cui avevamo atteso anche troppo.

Cosi' come il doppio turno, e i collegi elettorali di dimensioni minori, che permetterebbero di legare al territorio i rappresentanti eletti, ma solo eliminando le liste bloccate, che rappresenterebbero invece un controsenso''. ''Ci batteremo affinche' si introduca il collegio uninominale o restino i collegi piccoli, ma con l'introduzione del potere di scelta da parte dei cittadini, vale a dire la preferenza unica. Il diritto di scelta dei propri rappresentanti e' stato espropriato con l'introduzione del porcellum e questa legge non lo restituirebbe. Non possiamo altresi' accontentarci della promessa delle primarie per la scelta dei candidati da inserire nel listino. Le primarie sono un istituto che abbiamo sempre sostenuto, ma di per se' non possono essere intese come una sostituzione della libera scelta degli elettori, In questi anni sono state anche troppe le promesse che abbiamo ascoltato, puntualmente smentite poi dai fatti. E anche questa delle primarie, non essendo inserite come un obbligo, sono una promessa''. ''Speriamo'', ha quindi concluso Gaudioso, ''che questa accelerazione che registriamo con piacere venga garantita da un calendario definito. Sono troppi gli anni passati in attesa di una riforma elettorale che garantisse governabilita', effettiva rappresentativita' degli eletti e potere di scelta da parte degli elettori''. com-mpd/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Lavoro
Renzi: ruolo Stato non è offrire reddito ma lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech