venerdì 09 dicembre | 14:50
pubblicato il 29/gen/2014 17:04

Legge elettorale: Ceccanti, ora migliorata. Non vedo incostituzionalita'

Legge elettorale: Ceccanti, ora migliorata. Non vedo incostituzionalita'

di Angelo Mina.

(ASCA) - Roma, 29 gen 2014 - L'accordo per modificare l'Italicum, la proposta di riforma elettorale, e' promosso dal costituzionalista Stefano Ceccanti, esperto di sistemi elettorali e componente della commissione dei Saggi che fu costituita dal governo per predisporre un piano di riforme.

In particolare il professore ritiene infondate le critiche di incostituzionalita' specie quelle riferite al premio di maggioranza. ''L'accordo stipulato oggi -dice Ceccanti- e' decisamente migliorativo soprattutto perche' rende piu' esigente la soglia per evitare il ballottaggio (37% invece di 35%) rendendolo decisamente piu' probabile e riducendo l'importo massimo del premio (dal 18% al 15%). Sensato anche l'abbassamento della soglia dal 5% al 4,5% per le minoranze coalizzate e cosi' pure l'eccezione per le forze territorialmente concentrate''.

Riserve invece sul capitolo delle soglie, previste in particolare per i partiti piccoli. Per Ceccanti ''resta eccessiva la soglia dell'8% per le minoranze non coalizzate (che pero', va detto, c'e' gia' nella legge vigente per il Senato) e da affrontare la questione delle primarie facoltative ma regolate per legge come in Toscana''.

In conclusione, secondo il professore, ''sul piano politico si poteva e si puo' fare di meglio pero', nel complesso, mi sembra rispettosa della sentenza della Corte che chiedeva una soglia minima per il premio e una non eccessiva disproporzionalita' nel caso in cui si fosse adottato un sistema a base proporzionale.

Lo si capisce bene facendo riferimento alle esperienze costituzionali basate su analoghi princi'pi e analoghi sistemi''.

Per Ceccanti sarebbero infondate le critiche in chiave di incostituzionalita' del premio. ''La soglia richiesta per il premio, la cui dimensione massima del 15% e' peraltro anche predeterminata, rientra in livelli di distorsivita' ritenuti normali in altri sistemi plurinominali a base proporzionale e turno unico come quello greco che contiene un premio esplicito del 15%, ma meno garantistico perche' senza soglia, senza ballottaggio e senza previsione di un tetto massimo che mantenga distanti da revisioni costituzionali unilaterali.

Anche per questo il paragone con la legge Acerbo operativa sotto uno Statuto flessibile non e' ricevibile e quello con la legge del 1953 che portava alla soglia del 65% dei seggi e, peraltro trascinava il partito di maggioranza relativa dentro la coalizione, la Dc, dal 40% dei voti a oltre il 52% dei seggi, improponibile. Una distorsivita' analoga anche a quella spagnola, di carattere implicito ma anch'essa senza soglia, senza ballottaggio e senza tetto massimo e, peraltro, del tutto consapevole, dal momento che le Cortes costituenti la mandarono a regime dopo che la loro elezione aveva visto premiare l'Ucd che aveva ottenuto il 34,6% dei voti col 47,4% dei seggi''.

''Le proposte, sempre perfettibili e politicamente opinabili, all'esame del Parlamento non meritano comunque in alcun modo anatemi costituzionali, quanto meno -sottolinea Ceccanti- sulla base della Costituzione e della sentenza 1/2014 della Corte, di cui si mostrano sostanzialmente rispettose''.

min/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Governo
Braccio di ferro nel Pd, Renzi tiene punto: governo con tutti
M5s
Grillo richiama M5s: programma unico per i candidati premier
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Veronafiere, Usa: si vende di più il vino col prezzo più alto
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina