domenica 26 febbraio | 09:37
pubblicato il 14/giu/2013 12:41

Legge elettorale: Carfagna, doppia preferenza di genere funziona

Legge elettorale: Carfagna, doppia preferenza di genere funziona

(ASCA) - Roma, 14 giu - ''Che i nuovi Consigli comunali fossero diventati piu' ''rosa'' lo si era intuito gia' dai primi risultati, dalle notizie - frammentarie - che provenivano dai singoli Comuni all'indomani dello spoglio. I recordman di preferenze, non a caso, stavolta erano recordwomen. Ma che la ''doppia preferenza di genere'' avesse terremotato la classe politica comunale raddoppiando la presenza femminile nelle istituzioni piu' vicine ai cittadini lo dimostra soltanto oggi il Cise''. E' quanto scrive Mara Carfagna, portavoce dei deputati Pdl, su Think News, quotidiano di cui e' direttore editoriale.

''I casi analizzati dal Cise riguardano i 16 Comuni capoluogo coinvolti dall'ultima tornata elettorale, disaggregati fra Nord, Centro e Sud. Come scrivono i ricercatori ''le percentuali in termini di donne elette, rapportate al totale, non lasciano dubbi in merito al successo dello strumento''. Dove le cose vanno ''male'', infatti, le donne elette nei Consigli raddoppiano. Al Sud va ancora meglio che al Nord. In termini percentuali e a livello nazionale - scrive l'ex ministro - la presenza delle consigliere donne e' due volte e mezzo quella della precedente tornata, mentre nei capoluoghi meridionali e' addirittura quadrupla. La misura, che proposi quando ero ministro per le Pari Opportunita' e venne approvata dal Parlamento nel 2012 resta ancora poco nota, cosi' come lo strumento della doppia preferenza. Mi aspetto che questi numeri facciano segnare un deciso cambio di passo composizione delle Giunte, che non potranno non tenere conto di questi risultati e che, per la prima volta, grazie sempre alla legge 215/2012, dovranno garantire ''adeguata presenza femminile''. ''Penso che la nuova legge elettorale, quella che scriveremo nei prossimi mesi, alla quale stanno lavorando i ''saggi'' e che utilizzeremo per eleggere il nuovo Parlamento, non dovrebbe prescindere da questa certezza. Se reintrodurremo -come chiede qualcuno - le preferenze, sicuro dovra' esserci la possibilita' di esprimerla ''doppia''.

Sarebbe una possibilita' in piu' per l'elettore e una grande chance per il Paese di correggere una distorsione della rappresentanza che ci trasciniamo da troppi anni'', conclude Carfagna.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech