sabato 03 dicembre | 10:53
pubblicato il 29/nov/2013 11:32

Legge elettorale: Brunetta, se stop Consulta decadono 148 deputati

Legge elettorale: Brunetta, se stop Consulta decadono 148 deputati

(ASCA) - Roma, 29 nov - ''Il prossimo 3 dicembre, com'e' arcinoto, e' fissata l'udienza della Corte costituzionale per valutare la legittimita' costituzionale della legge elettorale delle Camere, sollevata con ordinanza 12060/13 dalla I sezione civile della Corte di Cassazione. Insomma: la consulta si esprime sul cosiddetto Porcellum''. Lo afferma Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, in un intervento su ''Il Foglio''. ''Non e' il caso di trattare la questione per slogan. Il caso e' serio. Prima di entrare in quelle che orrendamente si chiamano tecnicalita' (di cui ha trattato di recente il costituzionalista Giovanni Guzzetta) - continua Brunetta - mi permetto una premessa ''pop'. Se la Consulta dovesse bocciare il Porcellum in riferimento alla mancanza della soglia minima per il premio di maggioranza, automaticamente deputati e senatori eletti grazie ad un regalo incostituzionale, se non ancora convalidati dalle rispettive Camere, decadrebbero, e dovrebbero essere rimpiazzati da quanti sono stati incostituzionalmente esclusi''. ''I calcoli consentono di ritenere - lasciando perdere il Senato che mi risulta aver gia' provveduto alla convalida dei suoi membri - che i deputati di sinistra ''abusivi' sarebbero 148 (da 340 scivolerebbero a 192). Il centrodestra avrebbe in tutto solo due onorevoli in meno del centrosinistra, situandosi a 190 e guadagnandone dunque 66 rispetto agli attuali 124. Non e' un discorso ipotetico del terzo tipo. Ha ragioni giuridicamente fondate. I possibili effetti della pronunzia dipendono ovviamente dal suo contenuto. E mentre e' chiaro che l'inammissibilita' o il rigetto nel merito, non determinano particolari conseguenze, numerosi problemi si pongono nel caso dell'accoglimento. Quanto all'impatto sulla legislatura in corso, non vi sono dubbi che vi sarebbero degli effetti giuridico-costituzionali'', aggiunge Brunetta.

''Va infatti considerato che le sentenze di annullamento della Corte costituzionale non valgono solo per il futuro, ma hanno effetto retroattivo, a meno che le situazioni del passato non siano ormai giuridicamente definite e concluse.

Quanto poi al problema della nuova legge elettorale, essa dovrebbe venire adottata dal Parlamento nella 'nuova' composizione a seguito della ridefinizione dell'assegnazione dei seggi o dal governo con un decreto-legge di emergenza limitato a tamponare la situazione in vista dell'elezione di un nuovo Parlamento legittimo cui spetterebbe di riesaminare la questione'', conclude Brunetta.

com-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari