mercoledì 18 gennaio | 21:06
pubblicato il 29/nov/2013 11:32

Legge elettorale: Brunetta, se stop Consulta decadono 148 deputati

Legge elettorale: Brunetta, se stop Consulta decadono 148 deputati

(ASCA) - Roma, 29 nov - ''Il prossimo 3 dicembre, com'e' arcinoto, e' fissata l'udienza della Corte costituzionale per valutare la legittimita' costituzionale della legge elettorale delle Camere, sollevata con ordinanza 12060/13 dalla I sezione civile della Corte di Cassazione. Insomma: la consulta si esprime sul cosiddetto Porcellum''. Lo afferma Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, in un intervento su ''Il Foglio''. ''Non e' il caso di trattare la questione per slogan. Il caso e' serio. Prima di entrare in quelle che orrendamente si chiamano tecnicalita' (di cui ha trattato di recente il costituzionalista Giovanni Guzzetta) - continua Brunetta - mi permetto una premessa ''pop'. Se la Consulta dovesse bocciare il Porcellum in riferimento alla mancanza della soglia minima per il premio di maggioranza, automaticamente deputati e senatori eletti grazie ad un regalo incostituzionale, se non ancora convalidati dalle rispettive Camere, decadrebbero, e dovrebbero essere rimpiazzati da quanti sono stati incostituzionalmente esclusi''. ''I calcoli consentono di ritenere - lasciando perdere il Senato che mi risulta aver gia' provveduto alla convalida dei suoi membri - che i deputati di sinistra ''abusivi' sarebbero 148 (da 340 scivolerebbero a 192). Il centrodestra avrebbe in tutto solo due onorevoli in meno del centrosinistra, situandosi a 190 e guadagnandone dunque 66 rispetto agli attuali 124. Non e' un discorso ipotetico del terzo tipo. Ha ragioni giuridicamente fondate. I possibili effetti della pronunzia dipendono ovviamente dal suo contenuto. E mentre e' chiaro che l'inammissibilita' o il rigetto nel merito, non determinano particolari conseguenze, numerosi problemi si pongono nel caso dell'accoglimento. Quanto all'impatto sulla legislatura in corso, non vi sono dubbi che vi sarebbero degli effetti giuridico-costituzionali'', aggiunge Brunetta.

''Va infatti considerato che le sentenze di annullamento della Corte costituzionale non valgono solo per il futuro, ma hanno effetto retroattivo, a meno che le situazioni del passato non siano ormai giuridicamente definite e concluse.

Quanto poi al problema della nuova legge elettorale, essa dovrebbe venire adottata dal Parlamento nella 'nuova' composizione a seguito della ridefinizione dell'assegnazione dei seggi o dal governo con un decreto-legge di emergenza limitato a tamponare la situazione in vista dell'elezione di un nuovo Parlamento legittimo cui spetterebbe di riesaminare la questione'', conclude Brunetta.

com-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fca
Fca,Gentiloni a Merkel: omologazione spetta a autorità italiane
Brexit
Brexit,Gentiloni:May fa chiarezza, Ue pronta a discutere con Gb
Terremoti
Terremoto, Boschi segue situazione. In contatto con Curcio e Errani
Scuola
Mattarella: scuole hanno ruolo fondamentale anche all'estero
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina