giovedì 23 febbraio | 03:45
pubblicato il 17/dic/2013 13:53

Legge elettorale: Brunetta, Grasso avrebbe fatto meglio a tacere

Legge elettorale: Brunetta, Grasso avrebbe fatto meglio a tacere

(ASCA) - Roma, 17 dic - ''Nel generale clima di disinvoltura istituzionale che ormai contagia tutte le supreme cariche dello Stato, ora ci si mette anche il presidente del Senato, Pietro Grasso, dimenticando il proprio ruolo super partes e mettendosi a discettare di legge elettorale''. Lo afferma Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia.

''Il presidente Grasso avrebbe fatto meglio a tacere.

Anche perche' avrebbe evitato di mostrare le proprie lacune tecnico-disciplinari. Dovrebbe infatti sapere, almeno per cultura generale, che il Mattarellum prevede un quota proporzionale dalla quale si possono agevolmente defalcare i seggi da assegnare alla circoscrizione estero con un semplice articolo. Nessuna rivisitazione dei collegi uninominali, dunque. Riprovi presidente, stavolta il suo tentativo di boicottaggio, scopertamente partigiano, non ha funzionato'', conclude Brunetta. com-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Roma
Grillo: Roma una bomba atomica, che pretendete da M5s?
Governo
Renzi: governo fa cose importanti ma se ne parla poco
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech