sabato 25 febbraio | 05:47
pubblicato il 04/dic/2013 18:46

Legge elettorale: bocciato Porcellum, rinasce proporzionale (per ora)

Legge elettorale: bocciato Porcellum, rinasce proporzionale (per ora)

di Angelo Mina. (ASCA) - Roma, 4 dic - Il Porcellum e' morto: la Corte Costituzionale con una sentenza che i piu' si attendevano per il prossimo 14 gennaio, ha dichiarato l'incostituzionalita' della legge elettorale nota come il Porcellum. La Corte ha in concreto bocciato il premio di maggioranza perche' senza soglia (e non in quanto tale) e le liste bloccate perche' non permettono la scelta da parte dell'elettore. Si tratta dei punti che ''qualificavano'' la legge in questione. Tolti questi due aspetti, il Porcellum cade come un castello di carte e in piedi rimane solo il metodo proporzionale con lo sbarramento al 4 per cento. Gli stessi giudici della Consulta si rendono conto della situazione che si apre ora su un quadro di notevole frammentazione e di difficile governabilita' e rivolgono una sollecitazione al Parlamento, sottolineando che ''resta fermo che il Parlamento puo' sempre approvare nuove leggi elettorali, secondo le proprie scelte politiche, nel rispetto dei principi costituzionali''. Questo vuol dire che la nuova (eventuale e probabile) legge che il Parlamento dovra' approvare, se non si vuole uscire dallo schema del Porcellum, deve togliere gli elementi di incostituzionalita': prevedere una soglia congrua oltre la quale fare scattare il premio di maggioranza e prevedere una o piu' preferenze nelle liste dei candidati. Questo secondo punto diventa problematico (ben piu' del premio) perche' senza una modifica che introduca la preferenza, una legge elettorale oggi praticabile non ci sarebbe. Questo vuol dire che per andare subito al voto il Parlamento (ma anche il governo, in caso di urgenza e necessita') dovrebbe effettuare questa modifica minima: introdurre le preferenze per potere andare al voto. Per una esauriente comprensione degli effetti della sentenza e' comunque necessario attendere le motivazioni, che saranno contenute nella pubblicazione della sentenza ''nelle prossime settimane e dalla quale dipende la decorrenza dei relativi effetti giuridici''. Cosa dire per il futuro? Su quale sistema a questo punto viene naturale puntare? Fermo restando, come sottolinea la Corte, che il Parlamento ''puo' sempre approvare nuove leggi elettorali',' se volesse rimanere nello schema che risulta dalla sentenza, l'intervento piu' semplice sarebbe quello di prevedere un secondo turno tra le prime due liste o tra le coalizioni di liste. Come da tempo propone il professore Roberto D'Alimonte, ma anche Luciano Violante. min/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech