sabato 21 gennaio | 02:08
pubblicato il 27/ago/2013 11:57

Legge elettorale: Blog Grillo, Pd non dia colpa a M5S. Contano i fatti

(ASCA) - Roma, 27 ago - ''In politica come nella vita, dopo le 'speranze', alla fine contano solo i fatti''. Lo scrive, a proposito della riforma della legge elettorale, Matteo Incerti, vice responsabile della comunicazione dei 5 stelle al Senato, in un post sul blog di Beppe Grillo, dal titolo 'Contano solo i fatti'.

Incerti sottolinea che ''in questo Parlamento, non per colpa dei parlamentari del M5S, non esiste una maggioranza parlamentare per cambiare in senso democratico la legge elettorale esistente contro la quale il M5S si e' sempre battuto. Il Pd(menoelle) la finisca di dare la colpa ad altri per quello che non ha mai fatto in 8 anni e neanche in questi 5 mesi. Se le 'speranze' non si tramutano mai in fatti, si tratta solo di prese in giro per i cittadini''.

Incerti, dal blog di Grillo, elenca alcune date significative: ''20 Aprile 2013 - scrive - i parlamentari del Pd non votano ne' Prodi (fondatore del Pd e dell'Ulivo e l'unico ad aver sconfitto Berlusconi nelle urne due volte) e nemmeno Rodota' (costituzionalista di sinistra e non del Movimento 5 Stelle) come presidente della Repubblica.

Preferiscono rieleggere l'88enne Giorgio Napolitano insieme a Berlusconi''.

Prosegue: ''29 maggio 2013: alla Camera il Pd insieme al Pdl vota contro la mozione Giachetti (Pd) per abolire il porcellum e tornare alla legge elettorale precedente (voto a favore solo da parte di Movimento 5 Stelle e Sel). Nello stesso giorno il Senato boccia la mozione del Movimento 5 Stelle che propone strumenti di democrazia diretta tramite referendum, leggi popolari discusse obbligatoriamente, la riduzione dei parlamentari e dei consiglieri regionali, l' abolizione delle Province, l'elezione diretta dei candidati, l'ineleggibilita' per i condannati ed il limite di due mandati. 8 agosto 2013: In Senato il Pd insieme al Pdl vota ''no'' alla richiesta di esame d'urgenza della legge elettorale ''Parlamento Pulito'' proposta dal M5S (sulla base della legge popolare del 2007 mai discussa in tutti questi anni). La proposta conteneva anche l'elezione diretta da parte dei cittadini dei candidato a Camera e Senato''.

''Questi i fatti - conclude Incerti - ai quali potremmo aggiungere il voto contrario del Pd sulle mozioni contro gli F35, per istituire il reddito di cittadinanza, per tagliare l'Irap e l'Imu sulla prima casa, per abolire il finanziamento pubblico ai partiti''.

ceg/mau/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4