martedì 21 febbraio | 22:15
pubblicato il 24/gen/2014 14:47

Legge elettorale: Bianchi(Pd), cambiare parita' o rischio passo indietro

(ASCA) - Roma, 24 gen 2014 - ''Il testo della nuova legge elettorale (che apprezzo e sostengo) contiene pero' un punto che rischia di farci tornare indietro, quello sulla parita' di genere. Due sono le cose da correggere: la possibilita' di mettere due candidati dello stesso genere uno dietro l'altro e la previsione di una parita' numerica tra uomini e donne solo a livello di circoscrizione e non di collegio. Dobbiamo tornare all'alternanza uno a uno tra donne e uomini che era stata illustrata''. Lo dichiara Stella Bianchi, parlamentare del Pd.

''Su questo punto - continua Bianchi - e' necessaria l'iniziativa dei parlamentari (donne e uomini) del Pd come di tutti i partiti che sostengono la necessita' della riforma per dare attuazione ad un diritto sancito dalla Costituzione in particolare dall'art. 51. Sarebbe paradossale che la prima legge elettorale che si pone l'obiettivo della parita' ci portasse a un Parlamento con meno donne di quante ve ne siano oggi''. com-sgr/mau/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Campidoglio
Grillo: ammetto le colpe a Roma, ma andiamo avanti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia