lunedì 23 gennaio | 08:08
pubblicato il 23/gen/2014 13:35

Legge elettorale: Balduzzi, si' a testo base ma servono correzioni

Legge elettorale: Balduzzi, si' a testo base ma servono correzioni

(ASCA) - Roma, 23 gen 2014 - ''Registro un po' di frettolosita' nel modo con cui la stampa e i media hanno presentato la posizione di Scelta Civica sulla legge elettorale, come se votare a favore dell'adozione del testo unificato del relatore come testo-base sia contraddittorio rispetto alla decisione di non aggiungere la nostra firma a quel testo. Le cose stanno in modo molto piu' semplice: noi diciamo si all'adozione di quel testo come testo-base perche' ne condividiamo i principi e perche' vogliamo che l'iter della legge elettorale prosegua, e siamo consapevoli che una nostra contrarieta' a tale adozione concorrerebbe a determinare un ulteriore nulla di fatto. Ma siamo altresi' intenzionati a correggere il testo nel corso della discussione parlamentare, anche su punti importanti, per renderlo pienamente compatibile con la Costituzione e davvero ''italico'', cioe' inserito nella storia buona del nostro Paese''. Lo ha affermato in una nota Renato Balduzzi, costituzionalista e responsabile riforme di Scelta Civica.

''Proprio perche' lo vogliamo correggere su molti punti - ha aggiunto Balduzzi - non abbiamo aggiunto la nostra firma.

E qui viene il secondo punto da chiarire. I nostri emendamenti, nel solco di quanto sinora Scelta Civica ha fatto, non mireranno a difendere il nostro orticello, ma a fare una legge buona, equilibrata e soprattutto conforme ai principi costituzionali. Cosi' abbiamo posto e porremo il problema delle condizioni di assegnazione del premio di maggioranza e delle clausole di sbarramento, da ricondurre a ragionevolezza, proporzionalita' e logicita'. Ugualmente - ha annunciato Bladuzzi - proporremo miglioramenti in tema di pluricandidature, eguaglianza di genere, possibilita' e limiti di apparentamenti ulteriori al secondo turno, limiti all'eccessiva distanza tra voto dell'elettore e suoi effetti sugli eletti, garanzie contro lo stallo provocato (sinche' non sara' modificato il bicameralismo paritario) da un'eventuale diversa maggioranza al Senato'', ha concluso.

com-brm/cam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4