giovedì 08 dicembre | 19:59
pubblicato il 12/nov/2013 16:16

Legga stabilita': Capezzone, escludere assolutamente prima casa da tasse

(ASCA) - Roma, 12 nov - ''Cosi' come riformulato dall'emendamento del relatore, il comma 7 dell'articolo 21 della legge di stabilita' non sembrerebbe purtroppo escludere del tutto la possibilita' che l'abitazione principale sia oggetto della nuova tassazione chiamata Tuc. O almeno resta spazio per interpretazioni divergenti (alcune maliziose e altre di sincero dubbio), che infatti non sono mancate''. Lo dichiara in una nota Daniele Capezzone, Pdl, presidente della Commissione Finanze della Camera.

''Si legge nell'emendamento che i soggetti passivi dell'imposta per la componente sui servizi indivisibili sarebbero ''gli utilizzatori a qualsiasi titolo degli immobili con un'aliquota dell'1,5 per mille, e i proprietari degli stessi con un'ulteriore aliquota dell'1 per mille, con esclusione, per quest'ultima, delle unita' immobiliari adibite ad abitazione principale. Dunque, sembrerebbe di capire, ed e' ovviamente interesse di tutti - a partire dai presentatori dell'emendamento - dissipare ogni possibilita' di equivoco, che la prima casa sia esclusa dal pagamento della Tuc solo per quanto riguarda l'8,1 per mille della componente patrimoniale e l'1 per mille aggiuntivo sui servizi indivisibili a carico dei proprietari, i quali pero' resterebbero soggetti (come gli inquilini) all'1,5 per mille in quanto ''utilizzatori a qualsiasi titolo'' della loro abitazione'', aggiunge Capezzone. ''Secondo l'interpretazione meno favorevole, infatti, tutti sarebbero soggetti all'aliquota Tuc dell'1,5 per mille sulla casa in cui vivono: sia gli inquilini in quanto ''utilizzatori'' della casa di qualcun altro, sia i proprietari in quanto ''utilizzatori'' della propria. E l'aliquota sarebbe superiore dello 0,5 per mille a quella standard prevista dalla Tasi, anche se nel caso della Tuc si prevede che i Comuni possano solo ridurla, fino all'azzeramento, e non aumentarla, ferma restando la possibilita' di prevedere riduzioni ed esenzioni. Alla luce di queste considerazioni, sembrerebbe prudente per tutti garantire che sia salvaguardata la prima casa, al di la' di qualunque equivoco o interpretazione'', conclude Capezzone.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni