domenica 22 gennaio | 04:52
pubblicato il 07/ott/2012 14:49

Lega/Maroni presenta a Venezia sua Lega: Rivoluzione inizia qui

Protesta fiscale-via Equitalia:Sindaci-Governatori Nord agiscano

Lega/Maroni presenta a Venezia sua Lega: Rivoluzione inizia qui

Venezia, 7 ott. (askanews) - "Dobbiamo avere più coraggio. Non solo portestare ma passare ad azioni concrete: la protesta fiscale, via Equitalia dal Nord. La rivoluzione puo partire dal nord. E per questo invito tutti i Governatori e i Sindaci del nord, anche quelli che non sono della Lega, ad accogliere la nostra azione di protesta". In una Riva degli Schiavoni del tutto diversa da quella dell'era Bossi, Roberto Maroni ha debuttato da nuovo Segretario all'appuntamento annule con la 'festa dei popoli della Padania', quest'anno orbata dalla tre giorni di ampolle sul Monviso e risalita del Po. "La rivoluzione può partire dal Nord ma è una rivoluzione gandiana verso l'indipendenza nel segno della disobbedienza", ha detto Maroni illustrando il Manifesto in dodici punti tradotti poi nella pdl di riforma costituzionale per la Macroregione del Nord sul quale la Lega 2.0 del nuovo Segretario intende raccolgiere "milioni di firme" e promuovere un referendum. Quanto ad alleanze e Governo, "siamo unica forza politica seria che osteggia il governo Falli-Monti" e con il Pdl nessun nuovo dialogo fintanto che statrà nella maggioranza del Professore-senatore a vita. "Oggi - ha sottolineato ancora Maroni- è una festa che vale doppio: la nostra festa contro chi voleva la Lega morta, invece siamo vivi più che mai". Sulla stessa lunghezza d'onda, in nome dell'unità interna in vista della ormai di fatto iniziata campagna elettorale, anche l'intervento di Umberto Bossi. "Avremo davanti - ha avvertito il senatur- un periodo da grande battaglia: non litigate per il mio posto o quello di Maroni. Il nemico è il centralismo romano, è la che dobbiamo colpire". D'altra parte, "a Venezia il 15 settembre 1996 fino alla libertà o con le buone o a furor di popolo. Io - ha sottiolineato Bossi- la penso così se le parole sono troppo sussurrate c'è il rischio che la gente si disinnamori, di Roma non ci si deve fidare, Monti ha postato il federalismo fiscale nel cestino della carta straccia. Responsabilità ce l'ha anche Napolitano, poi ha chiamato Monti che è diventato senatore a vita".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4