sabato 03 dicembre | 21:22
pubblicato il 07/ott/2012 14:49

Lega/Maroni presenta a Venezia sua Lega: Rivoluzione inizia qui

Protesta fiscale-via Equitalia:Sindaci-Governatori Nord agiscano

Lega/Maroni presenta a Venezia sua Lega: Rivoluzione inizia qui

Venezia, 7 ott. (askanews) - "Dobbiamo avere più coraggio. Non solo portestare ma passare ad azioni concrete: la protesta fiscale, via Equitalia dal Nord. La rivoluzione puo partire dal nord. E per questo invito tutti i Governatori e i Sindaci del nord, anche quelli che non sono della Lega, ad accogliere la nostra azione di protesta". In una Riva degli Schiavoni del tutto diversa da quella dell'era Bossi, Roberto Maroni ha debuttato da nuovo Segretario all'appuntamento annule con la 'festa dei popoli della Padania', quest'anno orbata dalla tre giorni di ampolle sul Monviso e risalita del Po. "La rivoluzione può partire dal Nord ma è una rivoluzione gandiana verso l'indipendenza nel segno della disobbedienza", ha detto Maroni illustrando il Manifesto in dodici punti tradotti poi nella pdl di riforma costituzionale per la Macroregione del Nord sul quale la Lega 2.0 del nuovo Segretario intende raccolgiere "milioni di firme" e promuovere un referendum. Quanto ad alleanze e Governo, "siamo unica forza politica seria che osteggia il governo Falli-Monti" e con il Pdl nessun nuovo dialogo fintanto che statrà nella maggioranza del Professore-senatore a vita. "Oggi - ha sottolineato ancora Maroni- è una festa che vale doppio: la nostra festa contro chi voleva la Lega morta, invece siamo vivi più che mai". Sulla stessa lunghezza d'onda, in nome dell'unità interna in vista della ormai di fatto iniziata campagna elettorale, anche l'intervento di Umberto Bossi. "Avremo davanti - ha avvertito il senatur- un periodo da grande battaglia: non litigate per il mio posto o quello di Maroni. Il nemico è il centralismo romano, è la che dobbiamo colpire". D'altra parte, "a Venezia il 15 settembre 1996 fino alla libertà o con le buone o a furor di popolo. Io - ha sottiolineato Bossi- la penso così se le parole sono troppo sussurrate c'è il rischio che la gente si disinnamori, di Roma non ci si deve fidare, Monti ha postato il federalismo fiscale nel cestino della carta straccia. Responsabilità ce l'ha anche Napolitano, poi ha chiamato Monti che è diventato senatore a vita".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, Renzi: brogli? Siamo seri, polemiche stanno a zero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari