mercoledì 07 dicembre | 10:19
pubblicato il 28/ago/2012 21:30

Lega/Maroni lancia 'campagna d'autunno'. E bacchetta Formigoni

"Per noi la macroregione è sacra". Da ottobre parte tour a tappe

Lega/Maroni lancia 'campagna d'autunno'. E bacchetta Formigoni

Milano, 28 ago. (askanews) - C'è il sempiterno tema del nord, che "viene prima" del resto d'Italia, e la bandiera della battaglia contro il governo Monti, che "se ne deve andare a casa". Sono i due punti fermi e chiarissimi del nuovo corso di Roberto Maroni, che hanno spinto il neo leader leghista a convocare una conferenza stampa per ribadirli e illustrare già da ora, a fine agosto, la "campagna d'autunno" del movimento: Stati generali del nord a Torino a fine settembre; il lancio del tour a tappe, una regione per ogni mese, con una campagna di affissioni, per illustrare le proposte leghiste nelle piazze del Nord. Ma oggi è stata anche l'occasione per bacchettare, senza nominarlo, il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni per il suo attivismo, evidentemente non gradito, sul tema della cosiddetta "macroregione del nord", argomento di cui la Lega rivendica la titolarità, oltre che la paternità; sulle macroregioni "c'è qualcuno che parla a vanvera", ha sbottato oggi l'ex ministro, ricordando che per la Lega la questione è "una cosa seria, anzi sacra". A spiegare il senso del cambio di direzione rispetto alla tradizionale lega a guida bossiana è stato lo stesso Maroni: "Adesso imbocchiamo una strada nuova - ha replicato l'ex ministro dell'Interno a chi gli ha chiesto se la Lega intenda cancellare la linea politica seguita nell'ultimo quindicennio - che vede il territorio, il Nord, come nostro punto di riferimento principale. Tutto il resto (comprese le alleanze ndr) viene di conseguenza". In altre parole, la nuova linea della Lega non si coglie soltanto nella cancellazione, o nel rinvio, di alcuni degli appuntamenti simbolo della mistica leghista (come il raduno di Pontida, la festa dei Popoli padani, il rito dell'ampolla alle sorgenti del Po), ma con una nuova politica legata al territorio, egemone, ma aperta al confronto: "Noi puntiamo - ha detto Maroni - a una Lega che sia partito egemone del nord, che attorno a sé aggreghi, e non sia aggregata, le forze sane del Nord che vogliono combattere con noi per la storica questione settentrionale. Tutto il resto sono tatticismi elettorali". Berlusconi, e tutto il Pdl, sono quindi avvertiti: una riedizione, come ventilato sulla stampa, della doppia alleanza del 1994, con il partito guidato da Berlusconi alleato della Lega al Nord e con un altro partito al Sud non è un'opzione possibile: "E' una cosa che mi pare di avere già visto qualche anno fa. Un dejà vu. Ma noi siamo per il cambiamento, guardiamo al futuro". Quello che interessa, ha ripetuto più volte, è "Prima il nord, Monti a casa", questo è il nostro slogan. Dopo gli anni del tentativo federalista che si sarebbe dovuto concretizzare a Roma, nel parlamento, alla nuova nuova strategia: "prendersi" il nord partendo dal nord stesso. "Con la Lega punto di riferimento: il modello - ha concluso Maroni - è quello di Verona".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi vuole dalla direzione l'ok del Pd a elezioni anticipate
Governo
Renzi e Pd pronti a governo istituzionale: ma con numeri larghi
Governo
Udc esce da Ap di Alfano: nuovi gruppi contro voto anticipato
Governo
Bersani: Renzi vuole voto? Non si vince sulle macerie del Paese
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Robotica soft, macchine più versatili ispirate a piante e animali
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni