lunedì 27 febbraio | 15:12
pubblicato il 14/ott/2011 12:11

Lega/ Speroni conferma: nel 2001 Fi ci prestò 2 miliardi di lire

Vera la rivelazione del 'Fatto', ma tutto alla luce del sole

Lega/ Speroni conferma: nel 2001 Fi ci prestò 2 miliardi di lire

Roma, 14 ott. (askanews) - Forza Italia prestò nel 2001 due miliardi delle vecchie lire alla Lega nord. L'indiscrezione, pubblicata dal quotidiano 'il Fatto Quotidiano', viene confermata dal capogruppo all'Europarlamento del Carroccio Francesco Speroni, ex ministro e presidente della prima delegazione leghista eletta a palazzo Madama. "Come dimostra il titolo del documento, ovvero 'linea di credito', si tratta di un prestito presumo garantito dal contributo elettorale statale - ha spiegato Speroni ad Affaritaliani.it- erogato a Forza Italia che ha girato alla Lega la quota parte corrispondente in considerazione del fatto che i due partiti si erano presentati in coalizione alle elezioni. Non ci sono né misteri né patti segreti, è semplicmente un'operazione contabile".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Dp
Rossi: noi fermeremo Grillo, alleanza con Pd se vince Orlando
Vitalizi
M5s: pensioni parlamentari come cittadini, basta ok a delibera
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Specie a rischio, dalla genetica molecolare un aiuto per salvarle
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech