martedì 24 gennaio | 15:13
pubblicato il 10/apr/2012 11:23

Lega/ Si stringe il cerchio intorno a Rosy Mauro

Voci insistenti sulle dimissioni possibili in giornata

Lega/ Si stringe il cerchio intorno a Rosy Mauro

Roma, 10 apr. (askanews) - All'interno della Lega le richieste di dimissioni di Rosy Mauro da vicepresidente del Senato si fanno sempre più pressanti: dal "Pulizia, pulizia, pulizia" invocato su Facebook da Maroni al laconico "aiuterebbero il partito" di Calderoli - solo per citare due nomi che contano nel Carroccio - danno il senso del clima che si è creato intorno alla "nera". Voci insistenti rivelano che la decisione sarebbe già stata presa (il sito di AffariItaliani, che la settimana scorsa aveva già previsto con successo le dimissioni di Umberto Bossi dalla leadership leghista, le annuncia per oggi) e che, dunque, l'addio allo scranno in Senato sarebbe solo questione di ore. La tempesta delle inchieste sull'uso improprio dei rimborsi elettorali ha già travolto Bossi Junior, che nel giorno di Pasquetta ha annunciato le sue dimissioni da consigliere regionale in Lombardia "per dare l'esempio". Un esempio che potrebbe seguire Rosy Mauro ma anche l'assessore regionale Monica Rizzi, come chiedono i militanti leghisti a Brescia. La base, infatti, è in subbuglio: questa sera alla Fiera nuova di Bergamo si terrà il primo raduno, autoconvocato dalla sede bergamasca, dell'orgoglio leghista dopo le dimissioni da segretario di Umberto Bossi: le "scope", simbolo della ormai necessaria pulizia nel partita, la faranno da protagoniste. Sul palco della manifestazione i triumviri, Manuela Dal Lago, Roberto Calderoli e Maroni, più che esplicito sulla sua pagina Facebook quando scrive "mi sono francamente rotto di Cerchi Magici e Culi Nudi", allusione quest'ultima alle performance canore di Piero Moscagiuro, in arte Pier Mosca, amico e collaboratore di Rosy Mauro. I maroniani del resto insistono: "Io - dice Massimo Garavaglia - al posto di Rosy Mauro mi sarei già dimesso". E Matteo Salvini a proposito del Trota: "Penso e spero che tutti gli altri abbiano la responsabilità di dimettersi per tempo". La pressione è dunque fortissima: questa mattina Renzo Bossi si è recato al Pirellone per formalizzare le dimissioni al capogruppo del Carroccio Stefano Galli mentre in via Bellerio, sede milanese della Lega, cominciano ad arrivare i triumviri: primo Roberto Calderoli a cui nel pomeriggio dovrebbero unirsi Dal Lago e Maroni per la "prima segreteria" del dopo Bossi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Grillo: legge elettorale sarà quella che deciderà la Consulta
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
L.elettorale
Partiti attendono Consulta su Italicum. Già divisi sul day-after
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4