domenica 04 dicembre | 05:25
pubblicato il 08/apr/2012 12:27

Lega/ Parla Pm di Reggio Calabria Lombardo: Indagine non chiusa

Su Bossi "valutazioni politiche non spettano ai magistrati"

Lega/ Parla Pm di Reggio Calabria Lombardo: Indagine non chiusa

Reggio Calabria , 8 apr. (askanews) - "Le valutazioni politiche non spettano ai magistrati". Giuseppe Lombardo, sostituto procuratore della Dda di Reggio Calabria, commenta così il terremoto giudiziario che ha scosso la Lega Nord, all'indomani dell'avviso di garanzia e delle perquisizioni indirizzati ai dirigenti leghisti. "Noi abbiamo fatto fino in fondo un'attività importante - spiega Lombardo in un'intervista a TMNews - perché nel corso delle indagini sulla 'ndrangheta reggina sono emerse delle investigazioni che è stato doveroso approfondire". E sulle dimissioni di Bossi il magistrato aggiunge: "Ci si è resi conto che vi erano degli elementi che hanno giustificato le indagini congiunte delle Procura di Reggio, Napoli e Milano. Ognuno ha fatto delle considerazioni che in questo momento non sono oggetto della nostra attenzione". Secondo Lombardo, la criminalità organizzata calabrese riesce ad infiltrarsi con molta facilità perché "ha capito da tempo che la struttura vecchia delle organizzazioni è superata da un mercato in continua evoluzione e da una serie di fattori che incidono su quell'ambito in cui opera la criminalità organizzata, che genera profitti". "Sappiamo bene - continua il sostituto della Dda reggina nell'intervista a TMNews - che nel 2011 le ndrine calabresi hanno avuto un giro d'affari che ha superato i 138 miliardi di euro e che questi proventi devono essere in qualche modo ripuliti per poter essere riutilizzati, altrimenti non sono spendibili. Per questo motivo le ndrine cercano sempre nuovi strumenti che spesso varcono i confini nazionali". "Le infiltrazioni all'interno degli enti locali, - dice poi Lombardo - sono una piaga difficile da debellare. Non è semplice infiltrarsi, ma sicuramente il tentativo è costante" . "Quindi - prosegue ancora il pm - se non c'è la professionalità che caratterizza le amministrazioni, le organizzazioni sono pronte ad inserirsi per coprire quei vuoti lasciati liberi dalle procedure". Poi lo stesso pm lancia la sfida: "Le indagini non si fermano, sono complesse ed andranno avanti, anche perché ci aspettiamo dei risvolti dopo l'esame del tantissimo materiale, cartaceo ma soprattutto informatico, che abbiamo sequestrato. Sono documenti che potrebbero offrire ulteriori spunti di indagine e delle risposte che penso arriveranno".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari