venerdì 02 dicembre | 21:08
pubblicato il 05/dic/2013 18:31

Lega Nord: sabato primarie, il ''giovane'' Salvini favorito su Bossi

(ASCA) - Milano, 5 dic - Umberto Bossi contro Matteo Salvini.

Sara' un duello tra il vecchio e il nuovo volto del partito a decretare il nome del prossimo segretario della Lega Nord.

Tutto si gioca nel giro di una manciata di giorni: sabato 7 dicembre con le primarie padane (aperte ai soli soci militati muniti di tessera) e domenica 15 con il congresso straordinario (che di fatto si limitera' a ratificare il risultato delle primarie). Per la Lega Nord si avvicina insomma il giorno di un nuovo cambio al vertice, dopo il congresso del 1 luglio 2012 che ha portato Roberto Maroni sulla poltrona piu' alta di via Bellerio al posto di Umberto Bossi, costretto alle dimissioni dallo scandalo sui rimborsi elettoroali che lo ha travolto insieme ai suoi familiari e ai piu' stretti collaboratori. Per il 72enne fondatore del partito, rimasto ai margini durante la segreteria targata Roberto Maroni, e' l'occasione del riscatto. La sua, tuttavia, si prospetta un'impresa difficile, se non addirittura impossibile. Emblematica, a questo proposito, e' stata la raccolta delle firme necessaria per candidarsi al congresso. Servivano 1000 sottoscrizioni.

Il 40enne milanese Salvini, rappresentante di punta del fronte maroniano del partito, ha superato senza troppa difficolta' quota 4 mila firme. Bossi, invece, e' riuscito a raggiungere il quorum all'ultimo minuto e per un soffio. A meno di 24 ore dalla scadenza, il Senatur viaggiava intorno a quota 700 sottoscrizioni. Cosi', per scongiurare il rischio di un congresso 'one man show', si e' decisa una deroga al regolamento concedendo di far circolare i registri sul territorio. In pratica, la raccolta firme 'porta a porta' ha sostituito quella 'tradizionale' che obbligava i militanti a recarsi a firmare nelle sezioni. Questo non e' comunque bastato agli altri 3 candidati in corsa: non ce l'hanno fatta il presidente del Copasir, Giacomo Stucci, la consigliere regionale in Emilia Romagna, Manes Bernardini, e l'indipedentista varesino Roberto Stefanazzi. L'altro candidato eccellente, Flavio Tosi, ha invece preferito rinunciare 'sua sponte' alla corsa per la segreteria nella speranza di non dividere il fronte maroniano.

I due sfidanti si presentano dunque alle primarie padane partendo da un rapporto di uno a quattro a favore di Salvini.

Senza contare che proprio settimana scorsa la Procura di Milano ha chiuso le indagini nei confronti del Senatur e dei suoi figli Renzo 'Trota' e Riccardo, tutti accusati a vario titolo di truffa aggravata ai danni dello Stato e appropriazione indebita di risorse del partito. Dalle carte dell'inchiesta sono emersi di particolari delle 'spese pazze' effettuate da Bossi e figli con soldi distratti dalle casse di Via Bellerio. Non e' di certo un bel biglietto da visita per il 72enne che punta la riconquista del partito. Se la vittoria di Salvini appare dunque scontata, l'unica incongnita e' capire 'come' vincera', quanti voti riuscira' a conquistare e quanto sara' ampio il margine di distacco con l'avversario. Il rischio, per Salvini, non e' perdere, ma vincere male. Perche' una 'vittoria di Pirro' potrebbe creargli non pochi problemi quando sara' il momento di misurare pesi e contrappesi all'interno del Consiglio federale, massimo organo decisionale del Carroccio. fcz/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Renzi: risultato aperto, in 48 ore ci giochiamo i prossimi 20 anni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari