martedì 21 febbraio | 23:18
pubblicato il 07/gen/2014 17:59

Lega Nord: Pini d'accordo con Fava, partito si spacca su spinello libero

(ASCA) - Milano, 7 gen - Lo spinello libero divide la Lega Nord.

E rischia di aprire una frattura all'interno del partito guidato da Matteo Salvini. Gianni Fava, assessore lombardo all'agricoltura, rilancia: ''Non cambio idea''. Poi avverte: ''Non mi sento solo''. E nel frattempo incassa il sostegno del deputato leghista Gianluca Pini che su Facebook chiarisce: ''Sono d'accordo con l'amico Gianni Fava''. Il dato di fatto e' che aumenta il numero di dirigenti del Carroccio che si dichiarano apertamente anti-proibizionisti.

Cosi', anziche' smorzarsi, la polemica nata ieri per un tweet dello stesso Fava e rimbalzata per tutto il giorno della Befana sui social network dei principali esponenti leghisti si infiamma. E supera i confini regionali della Lombardia fino a raggiungere il cuore del parlamento di Roma. ''Il proibizionismo ha fallito'', aveva twittato il dirigente del Carroccio. Pensiero in un primo tempo condiviso sul profilo ufficiale twitter del governatore Roberto Maroni, che poi pero' aveva ritrattato tutto, attribuendo l'errore a un proprio collaboratore. Poi, in serata, era stato lo stesso segretario federale Matteo Salvini a mettere la parola fine alla querelle.

Assicurando - sempre via twitter - che la Lega Nord e' contraria a ogni ipotesi di liberalizzazione. E precisando che il dibattito sullo spinello libero e' piu' adatto a un partito come il Pd targato Matteo Renzi che a un movimento come il Carroccio.

Dopo la presa di posizione del segretario, sembrava che tutto si fosse esaurito nel giro di poche ore.

Oggi, invece, il colpo di scena. Con Fava che insiste, scavando un solco rispetto alla linea dettata solo ieri dal numero uno del partito: ''I dibattiti renziani non servono a nulla. Questo e' diverso, e' un dibattito che serve''. E ancora: ''Queste sono scelte di tipo etico prima che politico''. Di certo la Fini-Giovanardi ''e' un legge liberticida, un errore'' secondo l'assessore lombardo che passa la patata bollente nelle mani del leader: ''Il segretario della Lega e' Salvini. Faccia sintesi e io mi adeguo. Ma questa - ribadisce ancora una volta - e' la mia posizione storica''. Dello stesso avviso il deputato Pini che sollecita ''un urgente confronto'' sulla liberalizzazione della cannabis e si dice ''certo che Matteo Salvini sapra' trovare una sintesi intelligente sulla questione''. No comment, invece, da Maroni: ''Non ho nulla da aggiungere'', si limita a dire il governatore. fcz/mau/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia