domenica 22 gennaio | 00:44
pubblicato il 01/ott/2011 05:10

Lega/ Napolitano: Il 'popolo padano' non esiste

E' un movimento. E si fermi al federalismo fiscale

Lega/ Napolitano: Il 'popolo padano' non esiste

Napoli, 1 ott. (askanews) - "Il 'popolo padano' non esiste, il messaggio è chiaro". Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano approfitta di una domanda del professor Massimo Villone alla facoltà di Giurisprudenza a Napoli per bacchettare la Lega. Esordisce con una battuta per Umberto Bossi che, dice Napolitano, "dovrebbe essere grato al professor Villone per come ha finemente elaborato il suo concetto perchè quello che si sente è spesso un incoraggiamento ridotto al minino sia dal punto di vista dell'espressione verbale che delle motivazioni". Risate in sala, mentre Napolitano continua parlando delle "grida" del Carroccio che invoca la secessione. "Cerco di capire da dove nascono queste nuove grida - sottolinea Napolitano - perchè si sono sentite già anni fa e Villone ha ricordato i precedenti tentativi di elaborare progetti di legge" sulla secessione. Per il capo dello Stato "è già uno dei pochi buoni esempi dei tempi attuali il fatto che non siano stati riproposti" altri progetti di legge e quelli passati "siano finiti negli archivi del parlamento", "anche dopo che il referendum popolare aveva fatto cadere la riforma approvata nel 2006 dal Parlamento". "Nessuno nega la rilevanza politica e sociale di questo movimento", continua Napolitano parlando dei leghisti e riconoscendo che ora quel movimento "ha scelto la strada del federalismo fiscale". Il che, comunque, "pare una stranezza", perchè "il federalismo rappresenta una corrente di pensiero da cui sono nati stati autenticamente federali". Quindi, il "federalismo fiscale dovrebbe essere la conseguenza di uno spicchio di evoluzione in senso federale dello stato italiano". Ad ogni modo, conclude il capo dello Stato, "Io ritengo che questa parziale conversione" dei leghisti "sia stata positiva". E ricorda l'articolo 5 della Costituzione: "lì si dice che la Repubblica è una e indivisibile ed è lo stesso articolo in cui si dice che la Repubblica riconosce e valorizza le autonomie".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4