sabato 03 dicembre | 16:32
pubblicato il 04/apr/2012 17:41

Lega/ Maroni: Subito via chi ha tradito, ora dobbiamo rinnovarci

"Accuse sono molto gravi, dobbiamo fare subito pulizia"

Lega/ Maroni: Subito via chi ha tradito, ora dobbiamo rinnovarci

Roma, 4 apr. (askanews) - Sono "molto gravi" le accuse dell'inchiesta che coinvolge l'ormai ex tesoriere della Lega Francesco Belsito, "dobbiamo fare subito pulizia" e "chi ha tradito la fiducia dei militanti deve essere cacciato". Il Carroccio deve rinnovarsi. Il giorno dopo il terremoto che ha investito i vertici leghisti, Roberto Maroni ha affidato a Facebook il suo commento. "Quello che ho letto oggi sui giornali - ha scritto l'ex ministro - è sconcertante. Sono accuse molto gravi che portano un attacco senza precedenti alla Lega e alla sua gloriosa storia. Dobbiamo fare subito pulizia: chi ha tradito la fiducia dei militanti deve essere cacciato, senza guardare in faccia a nessuno. La Lega è un grande movimento, patrimonio di tutti i militanti onesti. Troviamo subito in noi - ha concluso Maroni - la forza per rinnovarci e per ripartire più forti di prima".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari