domenica 04 dicembre | 19:25
pubblicato il 01/lug/2012 17:14

##Lega/ Maroni leader apre nuova pagina, le lacrime di Bossi

Il fondatore cita Salomone: Rinuncio al "bambino" per salvarlo

##Lega/ Maroni leader apre nuova pagina, le lacrime di Bossi

Assago (Mi), 1 lug. (askanews) - Rimarranno nella storia della Lega nord le immagini di Umberto Bossi in lacrime, che per salvare il suo "bambino", il movimento che ha fondato e guidato per oltre vent'anni, è costretto a rinunciarvi per evitare che venga irrimediabilmente diviso. Così come segna una pietra miliare nella storia del Carroccio l'incoronazione del nuovo, acclamato e sorridente, leader Roberto Maroni. L'elezione a scrutinio palese per alzata di mano e a maggioranza schiacciante dell'ex ministro dell'Interno, appena cinque mesi dopo la "scomunica" giunta dai suoi nemici interni (il divieto a parlare in manifestazioni leghiste senza autorizzazione) è una vera e propria rivoluzione, in un partito abituato alla guida di un padre-padrone considerato praticamente intoccabile. Un cambiamento, impensabile fino a pochi mesi fa, che si è concretizzato oggi, tra colpi di scena, ultime schermaglie e puntualizzazioni. "Sarò un segretario senza tutele, commissariamenti e ombre", ha detto Maroni prima di essere eletto. Ed era questo che stava più a cuore al neo segretario: assicurarsi di poter esercitare la sua funzione di guida politica e organizzativa della Lega nella più ampia libertà di azione, soprattutto senza la presenza ingombrante di Bossi, che pretendeva di avere ancora sostanziale voce in capitolo, per esempio rivendicando per sé il diritto di scegliere il venti per cento dei consiglieri regionali e parlamentari. Ed è proprio sulle funzioni del presidente federale della Lega, la carica assegnata a Bossi a vita, che si è consumato lo scontro dietro le quinte. Per questo, quando il senatùr si è reso conto che lo Statuto era stato approvato prima del suo arrivo ha temuto "l'imbroglio" e osservato che "lo Statuto si può modificare fino a che il Congresso è in corso". Ma il passo era stato già compiuto. "Nessun imbroglio, lo Statuto è stato votato quasi all'unanimità", ha prontamente replicato il presidente della Regione Veneto Luca Zaia. E Bossi non ha potuto fare altro che accettare l'esito e rinunciare alla sua creatura per evitare divisioni laceranti. L'alternativa, secondo una fonte, era già pronta e sarebbe stata la secessione dei bossiani. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Referendum, Viminale assicura: matite copiative sono indelebili
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari