lunedì 20 febbraio | 14:58
pubblicato il 11/apr/2012 21:47

Lega/ Gli anti-Maroni tentano carta 'Bossi bis': evitare purghe

Pronti a campagna per ricandidarlo. Ma primo snodo è Rosy Mauro

Lega/ Gli anti-Maroni tentano carta 'Bossi bis': evitare purghe

Roma, 11 apr. (askanews) - E' l'extrema ratio, la zattera alla quale sperano di aggrapparsi i 'cerchisti', l'ultima speranza nelle convulse ore che sembrano spingere Roberto Maroni verso la leadership della Lega. Il tam tam è già partito, la linea è in via di definizione ma il concetto è chiaro: Umberto Bossi deve guidare la segreteria della Lega, dopo Bossi c'è Bossi. Il federale della Lega si riunisce domani, ma chi si oppone a Maroni già invoca il senatùr come garante e successore di se stesso. Pronti, insomma, a riaffermare pubblicamente la leadership di Umberto pur di frenare l'ascesa dell'ex ministro dell'Interno. Con la speranza, naturalmente, di evitare una resa dei conti nel partito padano. Domani si avrà un assaggio della tensione che si vive in queste ore nel Carroccio. Non tutto, nel corso della riunione dell'organismo di partito convocato a via Bellerio, potrebbe filare liscio. I problemi dovrebbero arrivare soprattutto sul 'capitolo Rosy', sull'atteggiamento da tenere nei confronti di Rosy Mauro. Per questo, non è detto che alla fine la leader del sindacato padana subisca l'onta dell'espulsione. Ragioni di real politik potrebbero consigliare un provvedimento duro, ma non la radiazione. Molto dipenderà anche da sue eventuali dimissioni dalla vicepresidenza di Palazzo Madama. Lei, in serata, ha fatto sapere che "valuterà". Ma il vero timore della fazione maroniana è un altro: chi non sta dalla parte dell'ex titolare del Viminale potrebbe rilanciare e lavorare da domani e fino al congresso di giugno per 'candidare' di nuovo Bossi alla segreteria. Questo sarebbe la strategia di chi proviene dal 'cerchio magico', questa la linea di alcuni 'neutrali'. L'obiettivo, non dichiarato, sarebbe naturalmente quello di evitare eventuali 'purghe'. Questo sarebbe l'argomento consegnato in queste ore a Bossi. E il primo 'segnale' chiesto al senatùr sarebbe proprio quello di non infierire fino in fondo contro la vicepresidente del Senato. Toccherà a Bossi scegliere. Il rischio di una riunione incandescente resta altissimo.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Sinistra
Nasce Sinistra italiana: "Da D'Alema non col cappello in mano"
Pd
Termina assemblea Pd, Orfini: "Congresso formalmente indetto"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, taglio del nastro per Advanced Virgo
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia