sabato 03 dicembre | 10:45
pubblicato il 11/apr/2012 21:47

Lega/ Gli anti-Maroni tentano carta 'Bossi bis': evitare purghe

Pronti a campagna per ricandidarlo. Ma primo snodo è Rosy Mauro

Lega/ Gli anti-Maroni tentano carta 'Bossi bis': evitare purghe

Roma, 11 apr. (askanews) - E' l'extrema ratio, la zattera alla quale sperano di aggrapparsi i 'cerchisti', l'ultima speranza nelle convulse ore che sembrano spingere Roberto Maroni verso la leadership della Lega. Il tam tam è già partito, la linea è in via di definizione ma il concetto è chiaro: Umberto Bossi deve guidare la segreteria della Lega, dopo Bossi c'è Bossi. Il federale della Lega si riunisce domani, ma chi si oppone a Maroni già invoca il senatùr come garante e successore di se stesso. Pronti, insomma, a riaffermare pubblicamente la leadership di Umberto pur di frenare l'ascesa dell'ex ministro dell'Interno. Con la speranza, naturalmente, di evitare una resa dei conti nel partito padano. Domani si avrà un assaggio della tensione che si vive in queste ore nel Carroccio. Non tutto, nel corso della riunione dell'organismo di partito convocato a via Bellerio, potrebbe filare liscio. I problemi dovrebbero arrivare soprattutto sul 'capitolo Rosy', sull'atteggiamento da tenere nei confronti di Rosy Mauro. Per questo, non è detto che alla fine la leader del sindacato padana subisca l'onta dell'espulsione. Ragioni di real politik potrebbero consigliare un provvedimento duro, ma non la radiazione. Molto dipenderà anche da sue eventuali dimissioni dalla vicepresidenza di Palazzo Madama. Lei, in serata, ha fatto sapere che "valuterà". Ma il vero timore della fazione maroniana è un altro: chi non sta dalla parte dell'ex titolare del Viminale potrebbe rilanciare e lavorare da domani e fino al congresso di giugno per 'candidare' di nuovo Bossi alla segreteria. Questo sarebbe la strategia di chi proviene dal 'cerchio magico', questa la linea di alcuni 'neutrali'. L'obiettivo, non dichiarato, sarebbe naturalmente quello di evitare eventuali 'purghe'. Questo sarebbe l'argomento consegnato in queste ore a Bossi. E il primo 'segnale' chiesto al senatùr sarebbe proprio quello di non infierire fino in fondo contro la vicepresidente del Senato. Toccherà a Bossi scegliere. Il rischio di una riunione incandescente resta altissimo.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari