lunedì 05 dicembre | 03:38
pubblicato il 07/apr/2012 09:32

Lega/ Castelli: Bossi non sapeva, non c'era accesso a documenti

Al Corsera: "Dovevamo vigilare di più"

Lega/ Castelli: Bossi non sapeva, non c'era accesso a documenti

Roma, 7 apr. (askanews) - "Anche fosse tutto vero, Bossi non era al corrente": l'ex Guardasigilli leghista Roberto Castelli interviene sullo scandalo fondi che ha investito il Carroccio e in un'intervista al 'Corriere della Sera' spiega che sì "dovevamo vigilare di più" ma il Senatur non era a conoscenza degli investimenti in Tanzania e dei soldi dati alla sua famiglia. Proprio sul caso Tanzania Castelli racconta di essere riuscito, con un'indagine personale, "a fare luce ma è stato difficile". Lui, membro del comitato di tesoreria, infatti con conosceva i conti perchè, ribadisce, "non avevamo accesso ai documenti". Normale? "No - risponde - però era così. I rapporti fra me e Belsito non erano idilliaci, io e Stiffoni per chiarire ci siamo dovuti arrangiare".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari