lunedì 16 gennaio | 16:51
pubblicato il 07/apr/2012 05:10

Lega/ Bossi: Inchiesta organizzata, puzza. Maroni non è Giuda

Lavori Gemonio con soldi partito?"Falso, Roma farabutta manda pm"

Lega/ Bossi: Inchiesta organizzata, puzza. Maroni non è Giuda

Roma, 7 apr. (askanews) - Umberto Bossi il giorno dopo il traumatico passo indietro delle dimissioni da segretario della Lega: loquace, polemico, nervoso, a Milano ha visto per quasi due ore Roberto Maroni, accusato il giorno prima di 'tradimento' dagli ultrà bossiani assiepati in via Bellerio. Ma era stato proprio Bossi a difendere l'ex ministro dell'Interno, nell'intervista di giovedì sera a Radio Padania, ritrasmessa oggi dall'emittente del Carroccio: "Nessuno mi ha chiesto le dimissioni" ha spiegato. "Non deve passare l'idea - ha aggiunto - che c'è qualcuno che vuol farmi le scarpe". Parlando ai cronisti che lo hanno atteso fuori dalla sua casa di Gemonio, il leader dimissionario ha messo in chiaro il concetto: Maroni "non è un Giuda", la sua corrente "non penso sia con me però non è neppure contro". In ogni caso, la battaglia per la leadership non è chiusa: "Non ho ancora deciso se mi ricandido, ve lo dirò quando faremo il congresso", ha spiegato Bossi, che si è detto pronto a 'riprendere le redini' del movimento al congresso. Il senatur ha dedicato un pensiero anche all'alleato di sempre, Silvio Berlusconi, il quale "sarà rimasto anche male" per le sue dimissioni, ma non ha avuto occasione di farglielo sapere: "Ci siamo sentiti una settimana fa, per caso", ha precisato. In giornata Bossi si è concesso un gesto di stizza nei confronti dei fotografi, contro i quali ha aperto lo sportello della macchina mentre lo riprendevano, ma soprattutto ha messo i punti sulle i a proposito dell'inchiesta giudiziaria che ha investito il Carroccio: "La mia impressione è che la faccenda puzzi", ha affermato, aggiungendo che a suo giudizio "è tutto organizzato. Si è rotta l'alleanza con il Pdl ed è successo questo. E' un caso? Non è un caso". Entrando nel merito delle accuse che sfiorano la sua famiglia, Bossi ha negato di aver utilizzato fondi della Lega per la ristrutturazione della villa di Gemonio. "E' falso", ha detto. "Hanno sbagliato a rifare il balcone che perdeva acqua, abbiamo chiamato uno della Lega bergamasca, il quale è venuto e ha detto mando mio cugino che ha una impresa: la colpa è nostra". Questo perché, ha spiegato Bossi "lui è un tipo che da tanto non si faceva vivo e non ha mandato la fattura, può darsi che lo ha fatto da un'altra parte, però vediamo, ci sono molti lati oscuri...". Secondo il suo fondatore, "la Lega è sotto l'occhio non solo di Roma farabutta che ci ha mandato questo tipo di magistrati, ma è sotto l'attenzione anche della militanza, quindi bisogna fare le cose giuste". Il momento è nero, ma Bossi non ha rinunciato a rincuorare i suoi con uno slogan indipendentista: l'Italia, ha sostenuto "è uno Stato che non riuscirà mai ad essere democratico. Roma è padrona e ladrona e quindi il nord deve prendere in seria considerazione di mandarli tutti a quel paese".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Fca
Fca, Delrio: richiesta Germania a Ue del tutto irricevibile
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Kawasaki al Motor Bike Expo di Verona dal 20 al 22 gennaio
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, mobilità sempre più ecosostenibile DriveNow